Il Primato Nazionale mensile in edicola

Manila, 2 apr – Il presidente delle Filippine Rodrigo Duterte ha messo in guardia chi potrebbe violare il coprifuoco da coronavirus mettendo in chiaro che le forze di sicurezza potrebbero sparare verso di loro.

Sangue di Enea Ritter

Duterte: “Sparate e uccidete”

Lo ha detto in televisione, Duterte, dove ha anche chiesto alla popolazione di cooperare con le autorità e di rispettare le misure di confinamento per arginare la diffusione del virus. Non tollererà, sostiene Duterte,  chi minaccia la vita di quanti lavorano nelle forze dell’ordine: “I miei ordini a polizia e militari sono: se diventano turbolenti, si ribellano contro di voi e sentite che le vostre vite sono in pericolo, sparate e uccideteli”.

Black Brain

Proteggersi a ogni costo

Il governo filippino ha ordinato a chi è autorizzato a uscire di indossare sempre le mascherine. Sull’isola di Luzon è concentrata più della  metà dei 100 milioni circa di abitanti delle Filippine: lì le restrizioni sono in vigore dal 16 marzo. Ha dichiarato il funzionario governativo Karlo Nograles: “Lasciate che ve lo ripeta: se dovete uscire dovete indossare una maschera. Il rappresentante del governo filippino ha invitato la popolazione a indossare sempre una protezione, non per forza una mascherina medica o chirurgica, ma qualcosa che copra naso e bocca: per il governo di Duterte sono ammesse “mascherine riutilizzabili, fai-da-te, fazzoletti o altro”, l’importante, insomma, è che  riducano le possibilità di trasmissione del virus.

Ilaria Paoletti

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

Commenta