Roma, 23 gen – Il capo dell’associazione greca dei produttori di armi (Sekpy), Tassos Rozolis, sta spingendo il governo per un maggiore coinvolgimento dei gruppi stranieri nei programmi di difesa della Grecia, soprattutto se coinvolgono il suo stesso gruppo Akmon. Occhio soprattutto alla Francia.

La Grecia si arma, grazie alla Francia. E non solo

Il 14 gennaio, il ministro della Difesa francese Florence Parly ha ricevuto il suo omologo greco Nikólaos Panayotópoulos al Naval Group’s a Lorient, nel nord-ovest della Francia. È qui che dovrebbero essere costruite le tre – o forse quattro – fregate di difesa e intervento (Fdi) preordinate da Atene. Tuttavia, il cantiere è già fissato sulla scadenza imminente per un nuovo potenziale ordine: l’auspicato acquisto da parte della marina greca delle sue prossime cinque corvette, un affare del valore complessivo di 1,7 miliardi di euro. L’azienda francese offre ad Atene i suoi Gowind 2500, già venduti in Egitto, Malesia ed Emirati Arabi Uniti.

Nel frattempo, l’azienda olandese Damen sta cercando di piazzare il suo Sigma 10514, mentre l’azienda italiana Fincantieri scommette sulla sua classe Dohoa. Durante la sua visita, Panayotópoulos ha affermato che la corvetta Gowind del gruppo navale era posizionata come “un candidato molto forte”. Akmon, guidata dal suo azionista di maggioranza Tassos Rozolis, è tra le società greche che compongono la catena di fornitura di Naval Group. L’azienda, specializzata in elettronica per la difesa, offre anche servizi di rappresentanza e consulenza ai produttori di armi greci e stranieri per aiutarli a fornire le loro attrezzature all’esercito greco. Inoltre, Rozolis presiede l’associazione greca dell’industria della difesa, la Sekpy, insieme al suo vicepresidente Chatzistamatiou Anastasios, capo della società di costruzioni navali Barracuda, e al segretario generale della Sekpy, Attart Eva, direttore generale del produttore di strutture modulari Glassart.

Scytalys, produttore di sistemi di comando e controllo (C2), lo specialista della manutenzione aeronautica Apella, l’integratore di droni Altus LSA, la filiale greca di Onex e la società di consulenza Bima, appartengono tutti a Sekpy. La filiale greca di Onex è per inciso un potenziale acquirente, con Fincantieri, del cantiere greco Elefsis. Questo acquisto può beneficiare del sostegno finanziario dell’agenzia di sviluppo americana, la Us International Development Finance Corp.

L’uomo chiave

Nato nel 1964 ad Atene, Tassos Rozolis ha studiato economia e si è specializzato in contratti di difesa. È entrato in Akmon alla fine del servizio militare nel 1988 ed è diventato amministratore delegato nel 1999. È tesoriere della Sekpy dal 2010 e ne è diventato presidente nel 2012. Rozolis è molto ricettivo nei confronti dei produttori di armi stranieri ed è desideroso di venire incontro alle loro offerte. Allo stesso modo, non esita a sfidare pubblicamente il governo greco e chiedere maggiori budget militari, nonché migliori ritorni per l’industria della difesa nazionale per i contratti militari conclusi con società straniere. Secondo lui, i suddetti contratti, richiedono la creazione sistematica di joint venture con industriali locali e il suo stesso gruppo è il primo tra questi industriali. Oltre al gruppo navale e diversi gruppi francesi (Thales, Arquus), Akmon è il partner industriale per le ambizioni navali greche di Lockheed Martin nonché per i produttori tedeschi (Rheinmetall e KMW), svedesi ( SAAB ) e israeliani (Elbit Systems).

Il collegamento tra aziende greche e francesi

Oltre ad essere presidente della Sekpy, Rozolis ha firmato un accordo di partnership nel febbraio 2020 con il Groupement des Industries de construction et activités navales francese (gruppo Naval and Construction Industry, GICAN), a cui appartiene Naval Group. Questo accordo prevede l’attuazione della cooperazione su progetti europei, partenariati di ricerca e innovazione e il collegamento di società greche e francesi per la cooperazione. È stato firmato alla presenza dell’ambasciatore francese in Grecia Patrick Maisonnave .

Il cantiere francese auspica che questo rapporto privilegiato sia fruttuoso, così come il partenariato strategico franco-greco nel Mediterraneo che Parly e Panayotópoulos hanno riaffermato pubblicamente mentre si trovavano a Lorient. Entrambi i fattori favoriscono contratti militari tra Francia e Grecia, come gli ordini di Atene di 18 + 6 Rafale da Dassault , 4 +1 fregate FDI dal gruppo navale e forse 4 + 1 corvette Gowind 2500 da quest’ultimo.

Ma la Francia non “flirta” solo con la Grecia 

Tuttavia la Francia si muove anche con la Turchia nonostante le rivalità geopolitiche nel Mediterraneo. In questo contesto, i subappaltatori aeronautici francesi Eurep Industries , Permaswage, Loiretech, CTMI, Micronor e Win MS, ciascuno dei quali sviluppa tecnologie altamente specifiche, sono arrivati ​​ad Ankara per le “Giornate aerospaziali francesi” che si sono svolte dal 2 al 4 novembre del 2021. Il viaggio è stato organizzato dall’agenzia governativa francese Business France, alla presenza del suo consulente senior per lo sviluppo commerciale Burhan Çaglar, e di Kaya Ekmekci, consulente per lo sviluppo del business presso l’ambasciata francese in Turchia. La delegazione francese ha fatto tappa ad Ankara, Istanbul ed Eskisehir, sede di un grande polo industriale della difesa e dell’aeronautica, l’Eskisehir Aviation Cluster, per incontrare i colleghi turchi. Da parte turca, i partecipanti includevano il produttore di droni Uavera (ex IVME IHS ) e il suo nuovo proprietario, il conglomerato industriale Coskunöz Holding. Quest’ultimo è posseduto a maggioranza da due membri della famiglia Coskunöz: il presidente dell’azienda Oya Coskunöz Aktas e il vicepresidente Hüseyin Naci Coskunöz. Uavera produce il drone Çagatay CGT50  e il drone bersaglio Cengaver CNG-V II, utilizzato per testare i sistemi di difesa aerea e addestrare operatori radar. L’azienda fornisce i suoi Çagatay CGT50, in grado di decollare e atterrare verticalmente, al gigante della difesa turco Havelsan, che li integra nel suo sistema di comando e controllo (C2) Harbiye.

Uavera collabora con lo sviluppatore di missili Roketsan, che produce munizioni MAM per i droni Bayraktar di Baykar, il cui direttore tecnico Selçuk Bayraktar è il genero del presidente Recep Tayyip Erdogan. Uavera fornisce i suoi droni anche all’aviazione e alla polizia turche. A metà ottobre ha partecipato al 3° vertice di Ankara sui radar militari e la sicurezza delle frontiere, organizzato con il supporto del ministero della Difesa, della sua holding Savunma Sanayii Müstesarligi (SSM) e del ministero dell’Interno.
Business France ha dichiarato che il governo turco, desideroso di sviluppare l’industria locale per soddisfare le sue esigenze sia militari che aeronautiche civili, vorrebbe aumentare la cooperazione con le società straniere.

Roberto Favazzo

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. Qualcuno forse non sa che oggi se sbagli fornitore o non controlli, produci tu, un domani basterà un nonnulla per vedersi bloccati all’ istante i propri “beni virili”…

Commenta