Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 10 ott – Bruciata la strada dell’impeachement, falliti i tentativi di processarlo, a meno di un mese dalle elezioni presidenziali i democratici americani provano a giocarsi un’altra incredibile carta pur di “togliere di mezzo” Donald Trump senza passare dal voto.
Il deus ex machina dei dem è sempre lei, la speaker della Camera Nancy Pelosi, che ieri ha presentato una proposta di legge per formare una commissione incaricata di monitorare e gestire l’applicazione del 25esimo emendamento della Costituzione, ovvero quello che dà la possibilità di sostituire un presidente in carica non più in grado di svolgere il proprio ruolo con il vicepresidente.

Cosa prevede il 25esimo emendamento

“Il presidente Trump prende chiaramente medicine. E chiunque di noi assuma farmaci di quella serietà è in uno stato alterato. La forma fisica del presidente Trump e la sua capacità di portare avanti l’incarico deve essere valutata dalla scienza e dai fatti”, ha dichiarato Pelosi. C’è comunque una differenza sostanziale rispetto all’impeachment, perché con l’applicazione del 25esimo emendamento non c’è bisogno di formulare accuse precise, basta che il vice e la maggioranza del governo inviino una lettera al Congresso in cui spiegano che il presidente non è più in grado di esercitare i poteri. Una chimera dunque. E se il presidente, nella fattispecie Trump, dovesse opporsi? Allora sarebbe la Camera a prendere una decisione definitiva con i due terzi dei voti.

Trump liquida così Pelosi: “E’ pazza”

Ma il Congresso americano non è in sessione legislativa e non lo sarà fino alle elezioni, dunque è praticamente impossibile che la proposta della Pelosi venga presa in considerazione. In ogni caso la replica di Trump non si è fatta attendere: “Crazy Nancy vuole mettere mano al 25° emendamento per sostituire Joe Biden con Kamala Harris. I Dem vogliono che ciò accada in fretta perché Sleepy Joe è già fuori controllo!!!”, ha scritto su Twitter il presidente americano. The Donald in un sol cinguettio ha dato della matta alla Pelosi, ha bollato di nuovo come “addormentato” lo sfidante Biden e ha colto l’occasione per ironizzare sulle presunte intenzioni dei democratici. Gentili saluti.

Eugenio Palazzini

1 commento

Commenta