famiglia poliamorosa atto matrimonio
L’atto di “matrimonio” con cui in Colombia si è ufficializzata la prima “famiglia poliamorosa”

Bogotà, 13 giu – Di sicuro non mancano di fantasia, dato che ad un livello del genere neanche Vladimir Luxuria e Monica Cirinnà (messe insieme) sarebbero riusciti ad arrivare. Eppure è successo: in Colombia è stata riconosciuta legalmente la prima “famiglia poliamorosa” al mondo.

Poli..che? Se pensate che una famiglia sia composta da marito e moglie – o, per rimanere nel moderno, due persone di qualsiasi sesso, anche se poi almeno in Italia quando gli è stata offerta la possibilità di convolare a nozze in pochissimi l’hanno fatto – allora, in entrambi i casi, siete evidentemente poco al passo con i tempi. Così la pensano le associazioni Lgbt o Lgbtqi e chi più ne ha più ne metta, dato che la nuova frontiera è quella della famiglia composta da più di due persone. Non stiamo parlando di figli o parenti inclusi nell’habitat domestico come avveniva fino a qualche decennio fa, specialmente nelle zone rurali, ma proprio di più adulti che si uniscono reciprocamente in “matrimonio”. Ecco a voi la famiglia poliamorosa.

Può sembrare una bizzarria (e infatti la è), ma nel paese sudamericano la famiglia poliamorosa ha avuto oggi il suo primo riconoscimento ufficiale. Siamo a Medellìn, località resa celebre dalla gang dell’omonimo cartello della cocaina portata sul piccolo schermo dalla serie di successo Narcos. Ma qui la droga c’entra poco dato che Alejandro, Manuel e Victor non sono apparentemente boss dello spaccio, ma trascinano comunque la metropoli che fu di Escobar di nuovo alla ribalta. I tre sono infatti i protagonisti di questo sposalizio che, non lo fosse già, porta all’estremo l’ideologia gender, andando a formare una trijea al posto della “classica” pareja (coppia in spagnolo) dopo le procedure di rito per la celebrazione del “matrimonio” davanti ad un notaio della seconda città colombiana.

Nicola Mattei

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

1 commento

  1. È chiaramente una deriva delirante a cui porta l’ideologia contraria al matrimonio tradizionale. Tuttavia – anche se distruttivo del concetto di famiglia – risponde più a una tendenza naturale di apertura alla procreazione la poligamia con cui un uomo sposa più donne rispetto al matrimonio omosessuale che è una parodia di matrimonio non esistendo in natura la possibilità di procreazione da individui dello stesso sesso

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here