Il Primato Nazionale mensile in edicola

Strasburgo, 2 lug – La sessione inaugurale del nuovo Parlamento europeo è stata contraddistinta dalla protesta dei deputati britannici del Brexit Party, che si sono voltati di spalle durante l’Inno della Ue. Parlamentari che – lo ricordiamo – decadranno dalla loro nomina non appena il Regno Unito uscirà dalla Ue.

“Benvenuti al Parlamento europeo, la casa della democrazia l’unica istituzione europea eletta dai cittadini. Benvenuti, ciascun deputato rappresenta i suoi cittadini, buon lavoro ai neo eletti”. Così Antonio Tajani aprendo la plenaria del nuovo Parlamento europeo e dando la parola alla musica con l’Inno europeo ed invitando allo stesso tempo ad alzarsi in piedi. “Alzarsi in piedi è una questione di rispetto non significa condividere l’Ue, anche quando si ascolta l’inno di un altro Paese ci si alza in piedi“, ha poi detto Tajani incassando l’applauso da parte dell’emiciclo.

In segno di protesta contro le parole di Tajani, gli eurodeputati britannici del Brexit party, la formazione fondata da Nigel Farage, sono rimasti seduti o hanno voltato le spalle durante l’esecuzione dell’Inno europeo. A rimanere seduti anche alcuni parlamentari francesi del gruppo Identità e democrazia di cui fa parte la Lega.

Farage: “Siamo il più grande partito in Europa”

Il partito di Farage, il primo partito in Gran Bretagna alle elezioni europee del 26 maggio scorso, ha 29 seggi nel Parlamento europeo. Questa mattina Farage, davanti a una folla di cronisti ha commentato: “Siamo il più grande partito in Europa, niente male vero?”. Il Brexit Party, ha aggiunto, sarà “spavaldo e allegro“, ma non rimarrà in silenzio davanti a “persone come Verhofstadt che parlano male del nostro Paese”.
Il leader del Brexit party ha poi bocciato la candidatura del socialista olandese Frans Timmermans a presidente della Commissione Ue: “È un fanatico. Vuole distruggere gli stati nazionali. Vuole gli Stati Uniti d’Europa. È un uomo molto pericoloso“. Ecco perché, per Farage, la premier britannica Theresa May “dovrebbe astenersi” dal votare per il candidato Timmermans.

Adolfo Spezzaferro

2 Commenti

  1. La nona è una bella musica , ma come inno fa CAGARE , era meglio quello sovietico …
    Ed è incantabile , troppo parole …. manco un krucco le ricorda …. ed in italiano ??? farebbe schifo .

Commenta