Roma, 12 gen — Negli ultimi anni, sui social media sono spuntati numerosi video di donne che twerkano davanti ai poliziotti, scuotendo le natiche in faccia ai tutori dell’ordine. Un atto provocatorio che potrebbe costare una multa salata e in alcuni casi anche l’arresto. Un fugace momento di ilarità vale davvero il rischio di conseguenze legali? Una donna residente a Kansas City ha recentemente deciso di sì, diventando protagonista di un video virale.

Donna twerka in faccia ai poliziotti

La giovane, di cui non si conosce l’identità, è stata immortalata mentre tenta di distrarre due agenti mentre cercano di immobilizzare un uomo fermato durante una rissa avvenuta alla fine di una partita dei Kansas City Chiefs. Il video inizia dopo la zuffa, quindi non risulta chiaro come sia questa sia iniziata e perché. La clip mostra due poliziotti alle prese con un giovane che indossa una maglia da hockey di The Mighty Ducks della Disney.

Spettacolo fuori programma 

Mentre i tre stanno lottando a terra, un quarto uomo tenta di tirare un pugno a uno degli agenti. Quando lascia la scena, ecco comparire la donna, che indossa stivali e un paio di pantaloncini di jeans decisamente «minimali». Prima viene spinta via dai poliziotti, poi, quando i due  sembrano riusciti finalmente a tenere sotto controllo l’uomo, la giovane inizia a twerkare in faccia agli agenti in quello che sembra essere un tentativo di distrarli, mentre i presenti esplodono in grida di approvazione per lo spettacolo fuori programma delle natiche al vento. I video termina con la ragazza, seduta sopra l’uomo con la maglia dei Ducks, che grida spavaldamente: «Siete venuti qui per me!»

Cristina Gauri

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta