Roma, 6 apr – Per il Financial Times, il premier Mario Draghi si è posto in prima linea nel prevedere sanzioni alla Banca centrale di Mosca, con la conseguente congelazione di tutte le riserve in valuta estera del Cremlino. Ursula Von der Leyen, presidente della Commissione europea, ha identificato nel presidente del consiglio italiano la persona più adatta a discutere direttamente con la segretaria del Dipartimento del tesoro degli Stati Uniti d’America, Janet Yellen, le misure di questo altro pacchetto di sanzioni in risposta all’azione russa contro l’Ucraina.

Draghi decisivo per le sanzioni alla Banca centrale russa: è guerra finanziaria

Lo stesso Draghi, da vero e proprio veterano per quanto riguarda la creazione di crisi finanziarie, è stato il primo a spingere l’idea di intraprendere questo tipo di sanzioni contro la Russia fin dall’inizio dell’offensiva. Con questa azione Unione europea e Usa, congelando gran parte dei 643 miliardi di dollari di riserve in valuta estera, hanno dichiarato una guerra finanziaria senza precedenti, aprendo un altro fronte di scontro tra il cosiddetto Occidente e Putin. L’ex presidente della Banca centrale europea è la personalità più adatta per eventuali trattative con gli alleati statunitensi, complice anche il suo incarico di direttore esecutivo della Banca mondiale a Washington nella seconda metà degli anni ottanta e il suo passaggio per la newyorkese Goldman Sachs agli inizi degli anni duemila.

L’ex numero uno della Bce contro gli interessi nazionali

Questa presa di posizione così netta non lascia spazio ad equivoci sul posizionamento dell’Italia, nazione grande importatrice di gas russo e che spesso in passato è stata titubante su possibili sanzioni ad uno dei suoi partner storici. Il leader Draghi da buon liquidatore di Stati continua imperterrito nella sua opera di svendita del Belpaese e a schierarsi, anche in questa nuova crisi globale, contro gli interessi della nazione che governa e per rafforzare sempre di più l’influenza americana sul destino dell’Europa.

Andrea Grieco

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta