Roma, 31 gen – Anche quest’anno negli Emirati Arabi Uniti è avvenuta la consegna dei premi per chi, nel mondo del lavoro e nelle istituzioni, si è distinto maggiormente nella battaglia per l’uguaglianza dei sessi. A ritirare le ambite targhe, però, c’erano solo uomini, cosa abbastanza singolare per la natura dell’appuntamento. Sicuramente gli organizzatori della kermesse avevano tutte le migliori intenzioni, data anche la collocazione geografica dell’evento: ma nella sala della premiazione non c’era neanche una donna. Lo sceicco di Dubai in persona, Mohammed bin Rashid al-Maktoum, ha consegnato le onorificenze e ha dichiarato che “l’uguaglianza di genere è diventata una colonna portante nelle nostre istituzioni“. Bene ma non benissimo quindi, perché nella rosa dei candidati c’era anche una donna, ma evidentemente non è stata ritenuto che si fosse prodigata sufficientemente per la causa. Insomma, un po’ misera come “uguaglianza” considerata la natura dell’evento, ma come dicono gli anglosassoni, “baby steps”.

Gli sforzi di Dubai

A onor del vero va detto che gli Emirati Arabi Uniti hanno fatto passi da gigante in materia. Un rapporto delle Nazioni Unite evidenzia come siano il Paese del Golfo in cui le donne vivono meglio e siano le maggiormente occupate (43% del totale). Anche in materia accademica la popolazione femminile batte quella maschile: oltre 4 su dieci sono laureate. Ma le associazioni per i diritti umani denunciano ancora casi di discriminazioni in ambito legislativo e in particolar modo in contesti come matrimonio, divorzio, custodia dei figli, eredità, e che le donne sono poco o nulla tutelate contro stupri e molestie.

Cristina Gauri

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam.
Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here