Il Primato Nazionale mensile in edicola

Budapest, 3 mag – Se c’è una cosa che irrita il clero intellettuale liberal, queste sono le idee contrarie al proprio «verbo rivelato». Perché, si sa, la democrazia va bene finché il «popolaccio» ripete a pappagallo la lezioncina propinata da lor signori. Altrimenti è demagogia, populismo, autoritarismo. Ma quello che manda letteralmente su tutte le furie i gendarmi del politicamente corretto, è quando quelle idee contrarie sono vincenti e li fanno apparire come dei perdenti. Prendiamo il caso di Viktor Orbán, eletto da poco per la terza volta consecutiva premier dell’Ungheria con più del 50% dei voti. Di fronte a una tale scorpacciata di consensi, ci si aspetterebbe uno chapeau e una sana autocritica da parte degli avversari. E invece eccoti la stampa occidentale al gran completo che urla alla «dittatura» e alla «mancanza di libertà». Vediamo perché.
Il largo consenso di Orbán in Ungheria nasce da lontano: nel 1989, nella Piazza degli Eroi di Budapest, in occasione di una grande manifestazione in ricordo dei martiri della Rivoluzione del 1956, il futuro premier arringa la folla criticando aspramente e coraggiosamente l’Unione sovietica, intimando all’Armata rossa di andarsene. Appena un anno prima, Orbán aveva fondato Fidesz, il partito che lui – dopo le prime sconfitte – riuscirà a portare al governo. Da allora il premier ungherese, con importanti interventi «sovranisti», ha salvato il suo Paese dalla bancarotta e si è imposto come il leader indiscusso del gruppo di Visegrad, il fronte euroscettico dei Paesi dell’Europa centro-orientale. È inoltre riuscito a difendere contro Bruxelles la sua politica anti-immigrazionista e a sostegno dell’identità culturale e religiosa dell’Ungheria. È normale che tutto questo sia stato gradito dal popolo ungherese, il quale ha ricompensato Orbán con una pioggia di voti.
Il nuovo modello politico instaurato in Ungheria da Fidesz è stato definito dallo stesso Orbán come una «democrazia illiberale». Il premier intende cioè dire che l’Ungheria, pur rimanendo un Paese democratico, è però immune dalle derive liberistiche e mercatiste dell’Occidente capitalista. Né più né meno. Eppure è ormai da tempo che la stampa mainstream si accanisce contro il «tiranno». L’ultimo pretesto le è stato offerto dalla lotta di Orbán contro le Ong sorosiane e immigrazioniste. In particolare, i media occidentali non cessano di parlare della cosiddetta «lista nera» che è stata diffusa da alcuni quotidiani vicini al governo ungherese: in questa lista sono presenti giornalisti ungheresi e corrispondenti stranieri che fanno una continua e martellante campagna antinazionale, diffamano il governo parlando di «dittatura» e foraggiano l’immigrazione di massa. Orbán ha parlato in proposito di trasparenza. E ne ha ben donde. La presunta «indipendenza» dei giornalisti liberal, in effetti, non è altro che una colossale «bufala»: se una testata prende lauti finanziamenti da Soros e dalla Open Society, è giusto che gli ungheresi lo sappiano.
Tra l’altro, non è stata chiusa nessuna testata, nessun giornalista ha subìto minacce e violenze. Il massimo che la stampa mainstream possa denunciare è la presunta creazione di un’«atmosfera ostile». Pare logico: prima ti dichiaro guerra, diffamando il tuo operato e diffondendo fake news, e poi pretendo pure che tu accetti supinamente il fatto compiuto. La verità nuda e cruda è che i gendarmi del liberalismo non sono abituati al contraddittorio e credono di poter giustificare la loro propaganda (perché di propaganda si tratta) dietro la foglia di fico della «libertà di espressione» (che peraltro non è stata loro negata). Solo che stavolta lor signori hanno trovato sul proprio cammino un osso duro, che di porgere l’altra guancia non ne vuol proprio sentir parlare. E giù a frignare. Ma sono solo lacrime di coccodrillo, grida inconsulte di un’élite impunita e arrogante.
Giovanni Coppola

La tua mail per essere sempre aggiornato

12 Commenti

  1. Soros e tutti i suoi amici sono bastardi e dannati ma quando creperanno Dio li punira duramente spedendoli direttamente all’inferno da Lucifero è il minimo che subiranno dato che stanno cercando di distruggere il cristianesimo per sostituirlo con la religione più violenta del mondo l’Islam a morte questo vecchio bastardo mercenario e chi è suo amico politici nostri compresi siate dannati.

  2. Penso che da Oban molti politici minuscoli come quelli che ci hanno rifilato, abbiano solo da imparare. Se continuano ad essere dissennatamente a favore di questo sistema anti italico penso che, prima o poi, li attenderà la forca.

Commenta