Il Primato Nazionale mensile in edicola

filippine chiesa cattolicaManila, 20 feb – Sono scesi in piazza nella capitale delle Filippine circa diecimila persone per protestare contro il presidente Rodrigo Duterte, la folla ha risposto all’appello lanciato dalla Chiesa cattolica che contesta i metodi della lotta al narcotraffico e il possibile ripristino della pena di morte. Per le strade di Manila oltre ai manifestanti erano presenti molti esponenti di spicco della Curia, tra cui il presidente della conferenza dei vescovi filippini, l’arcivescovo Socrates Villegas e il cardinale di Manila, Luis Antonio Tagle. Durante il corteo sono stati scanditi slogan contro il presidente Duterte e sono apparsi cartelli con scritte “Scegli la vita” e “No alla pena di morte”.

Fino ad ora la Chiesa cattolica si era limitata a far circolare un documento nelle chiese, in cui si contestavano la dura campagna anti-droga e l’ipotesi della reintroduzione della pena capitale, durante la manifestazione l’arcivescovo Villegas ha dichiarato in merito che “chiunque ha il diritto di essere giudicato da un tribunale in base alla legge senza diventare vittima di omicidi extragiudiziali”. Lo scontro tra i rappresentanti della Chiesa cattolica delle Filippine e il presidente Rodrigo Duterte va avanti da tempo, lo scorso mese, però, i rapporti si erano ulteriormente incrinati. Durante un suo intervento il presidente filippino aveva denunciato gli abusi contro i minori e la corruzione perpetrati dalla Chiesa cattolica, dichiarando senza mezzi termini che per questi motivi fosse “piena di m***a”.

Guido Bruno

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta