Il Primato Nazionale mensile in edicola

Parigi, 19 feb – Un richiedente asilo sudanese ha ucciso a coltellate Isard Cos, responsabile di un centro di accoglienza per rifugiati francese. Isard Cos, la vittima, era un padre di famiglia ed era anche il direttore del Centro di accoglienza per richiedenti asilo (Cada) di zona.



Il richiedente asilo sudanese

Il richiedente asilo sudanese, ritenuto il responsabile della morte dell’uomo nel centro di accoglienza, era ospitato in una struttura per rifugiati di Pau, nel sud-ovest della Francia. Così riferisce, secondo Ansa, un portavoce del comune, a sua volta citato dalla stampa francese.

La morte del responsabile

L’uomo, responsabile del centro di accoglienza per rifugiati, è stato ucciso a coltellate proprio oggi, a fine mattinata, da uno degli immigrati che aiutava per lavoro e per vocazione, ovvero un richiedente asilo sudanese. L’immigrato africano gli avrebbe infetto molteplici colpi con il coltello fino ad ucciderlo. Questo fin ora è ciò che è stato reso noto dalla stampa francese. Le motivazioni dell’aggressione per il momento non sono note.  Secondo il quotidiano francese Sud-Ouest il pubblico ministero Cécile Gensac è sul luogo del misfatto, insieme anche al ministro dell’Interno Gérald Darmanin.

Era il direttore del Centro di accoglienza

Isard Cos, la vittima, aveva 46 anni ed era un padre di famiglia. Era anche il direttore del Centro di accoglienza per richiedenti asilo (Cada) di zona. È morto a causa delle ferite inferte subito dopo l’aggressione. Il sudanese richiedente asilo, che aveva trovato rifugio nel centro di accoglienza, ha invece 38 anni ed è ora in stato di arresto.

Ilaria Paoletti

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta