Berlino, 9 ott – Come recita un noto adagio popolare, la mamma degli idioti è sempre incinta. Soprattutto, aggiungiamo noi, se l’idiota di turno veste i panni dell’antifascista. Non viene da pensare altro quando ci si trova di fronte a notizie come questa: lo scorso fine settimana, nella «tollerante» Berlino, un gruppo di antifascisti pro-aborto ha devastato gli uffici di un consultorio per donne incinte. Il centro di assistenza appartiene a «Pro Femina/1000plus», un’associazione pro-vita che si impegna a fornire aiuto concreto a tutte quelle donne che – per i più svariati motivi – hanno difficoltà a portare avanti la loro gravidanza.


Abortisti di tutto il mondo, unitevi!

Il consultorio di «Pro Femina» ha riportato danni per una cifra ancora da quantificare, ma che probabilmente raggiungerà i 4 zeri. Sono state distrutte molte vetrate e i locali sono stati imbrattati con vernice e acido butirrico. Sui muri gli antifascisti hanno scritto più volte il loro motto «pro choice», ossia lo slogan degli abortisti di mezzo mondo. Dove per choice («scelta») è da intendersi proprio l’aborto. L’azione è stata rivendicata dagli estremisti di sinistra sul loro portale Indymedia (titolo: Per il femminismo). Naturalmente in maniera anonima, com’è loro costume.

La risposta agli antifascisti

In seguito alla devastazione, il direttore dell’associazione, Kristijan Aufiero, ha diramato un comunicato in cui ha risposto ai prodi antifascisti: «A questi individui non interessa affatto aiutare le donne. Anzi, hanno voluto distruggere l’ultima grande offerta d’aiuto e consulenza che rende effettiva e concreta la libertà di scelta». Per il resto, ha ribadito Aufiero, «noi non ci lasciamo intimidire». Rilanciando su Facebook una campagna di donazioni per riparare i danni e rafforzare le attività del consultorio, il direttore ha scritto: «A tutti quelli che tentano di intimorirci con il loro odio e di distruggere il nostro lavoro, a tutti costoro vogliamo lanciare questo potente messaggio: l’amore non si arrende mai».

Valerio Benedetti

2 Commenti

Commenta