Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 20 lug – Amaq, l’agenzia d’informazione vicina all’isis ha diffuso il video del diciassettenne afghano che ieri ha ferito 4 persone di cui 2 in modo grave su un treno regionale della Baviera. Con piglio decisamente convinto il giovane jihadista lancia invettive e minacce nei confronti delle potenze occidentali (USA e Francia) e dei loro alleati d’affari come Yemen e Arabia Saudita, ma anche contro la Siria del presidente Assad, riconosciuta quindi -da uno jihadista stesso- come unica forza araba che combatte davvero l’integralismo islamico e i gruppi terroristi.

“Sono un soldato del Califfato – esordisce Muhammad Riyad, – voglio compiere un martirio in Germania”. Brandendo un coltello in maniera aggressiva prosegue: “Il Califfato islamico si è stabilito in Iraq, Siria, Khorasan, Libia e Yemen. Con il volere di Allah, i soldati del Califfato vi raggiungeranno e vi massacreranno nelle vostre case. Prenderanno possesso delle vostre case e delle vostre basi e costruiranno nuove basi nei vostri Paesi”.  “Vi colpiranno in ogni villaggio, ogni città e ogni aeroporto. Sappiate che il Califfato ora è più forte e prenderà di mira i vostri parlamenti”. Il milite islamico sbeffeggia gli europei: “Ho vissuto da voi, ho complottato contro di voi a casa vostra! Vi macellerò nelle vostre case e strade”. “Ad Allah piacendo, vi combatterò finché avrò sangue in vena. Vi farò a pezzi con questa lama e vi sgozzerò con un’ascia”. Come poi ha purtroppo fatto mettendo in atto il suo progetto di vendetta contro “gli infedeli”.

La parte finale del messaggio si rivolge direttamente alla nazione islamica: “Fino a quando durerà questo vostro profondo letargo? Svegliatevi dal sonno, il Califfato Islamico è nato. Sottomettetevi al Califfo dei musulmani, Abu Bakr al Baghdadi. Migrate a Khorasan e verso le altre province dello Stato islamico”, afferma, prima di suggerire un’alternativa a potenziali lupi solitari: “Se proprio non riuscite a migrare in Siria, allora uccidete gli eserciti apostati nei vostri Paesi”.

https://www.youtube.com/watch?v=Ly76F_Ui8Oo

Aurelio Pagani

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta