Il Primato Nazionale mensile in edicola

Gerusalemme, 2 ott – Centinaia di ebrei ortodossi hanno attaccato a suon di sassate passanti palestinesi, prendendo di mira anche negozi e automobili. E’ quanto successo domenica a Gerusalemme, con la tv di Stato israeliana che ha mostrato le immagini dell’accaduto. Feriti numerosi palestinesi presi di mira dal folle lancio di sassi da parte dei fanatici religiosi che evidentemente intendono inasprire ancor più un clima già decisamente teso.
I fatti sono avvenuti nella via Sultan Suleiman, presso le mura della Città vecchia della città che Trump ha recentemente pensato bene di definire “la capitale di Israele”, assecondando così le mire oltranziste e meno disposte al dialogo. Secondo quanto riferito dall’emittente televisiva israeliana, non a caso, i protagonisti della sassaiola sono stati i seguaci di un anziano rabbino ortodosso celebre per le sue posizioni estremistiche. Il rabbino in passato ha già scontato un periodo di detenzione. Sempre secondo la tv di Stato, è prevedibile che a breve le forze dell’ordine di Tel Aviv compiranno arresti tra i membri del gruppo responsabile dell’attacco ai palestinesi.

3 Commenti

  1. Il sionismo è il movimento piu’ razzista che esista e si capisce bene da questi episodi e dall’ omicidio continuo di palestinesi disarmati e inoffensivi.Per la loro bibbia sionista detta talmud, da distinguere dalla bibbia torah degli ebrei tolleranti, loro sono la razza eletta superiore alle altre i cui membri sono chiamati goyim e che possono essere anche uccisi se non necessarie alla “razza eletta”-.Altro aspetto inquietante è la loro predica di una guerra tra le altre religioni per il predominio finale della loro razza.Siamo di fronte a degli psicopatici molto pericolosi ed l’ebraismo mondiale dovrà contenerli altrimenti perderà egli stesso il credito che si è assicurato di fronte al resto della umanità e delle religioni

Commenta