Roma, 30 nov – Obbligo vaccinale per gli anziani e sanzioni a chi rifiuta l’iniezione: l’ultima trovata per aumentare il numero di cittadini immunizzati arriva dalla Grecia.

Leggi anche: L’Austria usa il pugno di ferro: per chi non si fa il vaccino multe fino a 7.200 euro

Grecia, over 60 che rifiutano il vaccino dovranno pagare 100 euro 

Il premier ellenico, Kyriakos Mitsotakis, ha annunciato che dal 16 gennaio il vaccino contro il Covid sarà obbligatorio per gli over 60 e chi lo rifiuterà dovrà pagare una multa di 100 euro. “Dal 16 gennaio tutti gli over 60 devono avere almeno preso appuntamento per la prima dose. Chi non lo fa deve pagare una multa di cento euro”, ha dichiarato Mitsotakis – citato dal quotidiano Ekathimerini – durante il consiglio dei ministri. “Non è una punizione – ha dichiarato Mitsotakis – direi piuttosto che si tratta di una tassa sanitaria”. Stando poi a quanto precisato dalle autorità greche, la sanzione verrà automaticamente addebitata dall’Autorità Indipendente per le Entrate Pubbliche e la somma ricavata dalle multe sarà poi destinata a un fondo istituito ad hoc per finanziare gli ospedali pubblici.

Vaccinati: 63% della popolazione

Il primo ministro ha poi detto che il governo mantiene alta l’allerta per la nuova variante Omicron, per quanto finora non siano stati individuati casi specifici in Grecia. Secondo i media ellenici, al momento sono circa 520mila i cittadini over 60 che in Grecia non hanno ancora ricevuto il vaccino, appena 60mila sono state vaccinate e soltanto il 63% della popolazione ha ricevuto due dosi.

Nella giornata di ieri, il portavoce del governo Ioannis Oikonomou, aveva preannunciato misure ad hoc per i non vaccinati considerato anche l’allarme scattato per via della variante Omicron. “In ogni caso – aveva detto Oikonomou – lo studio e la conoscenza della variante si stanno sviluppando e tra circa due settimane gli scienziati ne sapranno di più”. Tuttavia, a prescindere da questo, “non imporremo un blocco. Stiamo facendo tutto il possibile per contenere la diffusione della pandemia, per potenziare il Servizio sanitario nazionale (Esy) e accelerare il ritmo delle vaccinazioni“, aveva precisato il portavoce del governo greco.

Alessandro Della Guglia

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

  1. Meno male che la commissione europea aveva deciso di non discriminare coloro che avessero deciso di non vaccinarsi !
    La Grecia, poi, quasi a dispetto, fa’ intendere di voler discriminare tra i non vaccinati, gli under 60 dagli over 60.
    Bravi…..

Commenta