Il Primato Nazionale mensile in edicola

Parigi, 17 ott – Secondo Emmanuel Macron «solo le donne ignoranti fanno figli». La frase choc è stata rivelata dal Guardian, che ha pubblicato la trascrizione di una relazione tenuta dal presidente francese presso la Fondazione Gates. Il tema della conferenza era, più in particolare, l’Africa. Ebbene, Macron si è detto convinto che il boom demografico del Continente nero sarebbe dovuto al fatto che le donne africane generano molti figli in quanto sprovviste di istruzione: «Mostratemi una donna che ha deciso, dopo aver ricevuto una istruzione completa, di avere otto o nove figli. E poi presentatemi una ragazza che ha deciso di lasciare la scuola a 10 anni per sposarsi a 12, la seconda avrà numerosi figli, la prima no».
Qualora le donne africane fossero colte e informate – questa la tesi del presidente francese – allora non rimarrebbero incinte. Ad ogni modo, nella sua argomentazione Macron tira in ballo anche sessismo e diritti umani: «Questo avviene solo perché molte ragazze non sono state adeguatamente istruite, a volte perché questi Paesi hanno deciso che i diritti di queste ragazze non sarebbero esattamente gli stessi diritti degli uomini. E questo è inaccettabile». In sostanza, secondo la teoria bislacca dell’inquilino dell’Eliseo, le donne farebbero figli esclusivamente se sprovviste di educazione e se residenti in uno Stato oscurantista. Eppure, il baby boom avvenuto nelle ricche e colte Europa e Nord America tra il 1945 e il 1965, ad esempio, prova esattamente il contrario.
Ormai Macron sembra come essersi abbonato a far figuracce di ogni sorta. Dal ragazzino «bullizzato» per non averlo chiamato «signor presidente» all’umiliazione del disoccupato che gli stava facendo presente la sua disperazione. Senza contare, inoltre, di quando Macron trasformò l’Eliseo nella scenografia di una specie di gay pride, o di quando – più recentemente – si è lasciato fotografare con due ex galeotti seminudi nelle Antille francesi. Il tutto mentre i sondaggi continuano a darlo inesorabilmente in caduta libera.
Elena Sempione

11 Commenti

  1. Non siamo piu’ negli anni 50. Non siamo i Kennedy. Una donna che non se lo puo’ permettere non fa otto o nove figli. Se li fa e’ perche’ IGNORA i metodi contraccettivi – oppure subisce la prepotenza maschile. Certo non lo fa per sua libera scelta.

    • I figli non sono una maledizione Una parte dell Occidente vive i figli come qualcosa di orrendo quasi infetti Beh siete nati da un uomo e da una donna non da due gay e ci siete perché qualcuno vi ha fatto nascere ed allevati Compreso quel deficiente di Macron

  2. Macron è una merda ma in questo articolo mi sembra che la giornalista abbia travisato le sue parole. Non ha detto che le donne che procreano sono poco istruite, ma che quelle che fanno molti/troppi figli spesso lo sono.
    Anche in Africa le famiglie con un livello economico e di istruzione superiore fanno uno, due, tre figli al massimo.
    Le donne che sfornano un figlio all’anno fin dalla tenera età sono nelle zone rurali (forza lavoro) o appartengono a fasce sociali disagiate e con un livello minimo di istruzione, non a caso si fanno campagne per disincentivare le gravidanze in giovanissima età.

  3. Macron ha perfettamente ragione: nelle zone del mondo dove c’è più povertà (compreso il nostro sud) e ignoranza si registrano più nascite, questo è un fatto.

  4. In un certo senso il presidente Macron ha ragione è il vostro titolo che conduce a malinterpretazione!Bisogna pure sapere che in Africa e specialmente il Kenia conoscendo un po’ il loro sistema sociale (pensione) che hanno molti figli per essere sicuri di poter vivere “bene” nella vecchiaia.

Commenta