saudRoma, 19 ott – L’accordo sulla questione siriana indispettisce l’Arabia Saudita, che i terroristi ad Aleppo e dintorni li finanzia sin dall’inizio del conflitto. L’iniziativa russa che ha sventato l’attacco occidentale a Damasco ha talmente infastidito Riad che, a sorpresa, ha rinunciato al seggio appena ottenuto al Consiglio di Sicurezza dell’Onu come membro non permanente (e dunque senza diritto di veto).

L’organismo, spiega un comunicato del governo saudita, è in realtà “incapace di porre fine alle guerre e trovare una soluzione ai conflitti”. L’Arabia “ritiene che i metodi, gli strumenti di lavoro, i doppi pesi e le doppie misure adottate attualmente dal Consiglio di Sicurezza rendano l’organo incapace di svolgere i suoi doveri e di assumersi la responsabilità nei confronti del mantenimento della sicurezza e della pace e contribuiscano ad approfondire il divario delle ingiustizie dai popoli e a violentare i diritti”.

La rinuncia all’intervento militare in Siria grazie al blitz diplomatico russo non è del resto l’unico motivo di disappunto per Riad. Anche il disgelo fra Usa e Iran – dietro a cui, peraltro, sembra ci sia ancora Mosca – ha segnato un ulteriore isolamento di re Abdullah, sempre più vicino a Israele in una posizione di intransigenza anti-siriana e anti-iraniana che ormai non trova più alcun credito a livello internazionale. Un’unità di intenti che si estende dall’Egitto (entrambi i paesi guardano con favore al golpe militare che ha deposto Morsi), a Gaza (dove Hamas non è benvisto da nessuno dei due).

 

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

CONDIVIDI
Articolo precedenteNuove verità sul rapporto fra Chiesa e fascismo
Prossimo articolo“Effetto Giannino” al Comune di Roma
Adriano Scianca
Giornalista e scrittore, classe 1980. È laureato in Filosofia presso l'università La Sapienza di Roma ed è giornalista iscritto all'Ordine dei professionisti. Ha collaborato con i quotidiani Libero e Il Foglio e lavorato nella redazione del Secolo d’Italia. Scrive abitualmente per il quotidiano La Verità. Ha scritto i saggi Riprendersi tutto, tradotto anche in francese, Ezra fa surf, L'identità sacra e Contro l'eroticamente corretto. È responsabile nazionale della cultura per CasaPound Italia.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here