Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 26 set – Ha difeso il matrimonio fra divorziati, celebra liturgie per le coppie omosessuali cattoliche e contesta il celibato dei preti e la preclusione del sacerdozio alle donne. Si chiama Gabriel Ringlet, 75 anni, ed è il sacerdote belga che ha deciso di “accompagnare” e confortare nelle ultime ore di vita coloro che scelgono di ricorrere all’eutanasia. Teologo, scrittore e professore di giornalismo all’antica Università cattolica di Lovanio, ha sostenuto pubblicamente la pratica, in un libro intitolato Vous me coucherez nu sur la terre nue, (letteralmente: “mi stenderete nudo sulla nuda terra”). L’eutanasia è stata legalizzata 17 anni fa in Belgio, anche se viene concessa solo in casi estremi.

“Cerco di rendere concreto il passaggio spirituale – spiega nel suo sito internet – attraverso cure palliative, carezze, profumi, perché so per esperienza che il corpo, soprattutto quello più ferito, ha bisogno di respiro, di contatto. E posso addirittura parlare di gioia”. Ringlet utilizza una serie di “riti” di sua invenzione che sarebbero mirati a rendere il passaggio meno brutale. Sembrerebbe quindi più preoccupato del benessere psicofisico dei suoi “fedeli” che della salvezza della loro anima. La sua posizione sull’eutanasia contesta quella della Chiesa Belga, che è famosa per le sue aperture sulle cure palliative per i malati terminali ed è contraria all’accanimento terapeutico. Persino il primate del Belgio, il cardinale Joseph De Kesel, molto vicino a Papa Francesco, che pure ha una posizione di apertura nei confronti del matrimonio fra divorziati, dell’accoglienza degli omosessuali in chiesa ed è tollerante nei confronti dell’Islam, osteggia però con vigore l’eutanasia. Che cosa vi sia di “religioso” nell’attività e nelle idee di Ringlet, o quale giovamento spirituale possano trarne i suoi assistiti, invece, non ci è dato di sapere.

Cristina Gauri

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta