Il Primato Nazionale mensile in edicola

Stoccolma, 10 set – È un successo straordinario quello dei sovranisti in Svezia. Sebbene non abbiano sfondato l’attesa soglia del 20% sbandierata dai sondaggi, il 18% ottenuto alle elezioni la dice lunga sul sentimento che serpeggia tra gli svedesi, ormai esasperati dalla situazione che si è creata a causa dell’immigrazione selvaggia.
I giornali mainstream sembrano voler minimizzare il dato del voto per il rinnovamento del Parlamento, e sottolineano come i Democratici Svedesi, partito di tendenze populiste, euroscettico ed anti-immigrati, non siano riusciti a ottenere la maggioranza tanto agognata. Tacciono, però, il fatto che in 4 anni il partito è cresciuto di quasi 5 punti percentuali in fatto di consensi, e che si sia piazzato terzo, dopo i Socialdemocratici e i Moderati di centrodestra, che hanno perso il 3,5%. I primi, che da un secolo sono al potere in Svezia, hanno perso quasi il 3% rispetto al 2014 e hanno ottenuto il loro peggior risultato dal 1908. Sono stati puniti dal peso della politica migratoria del Paese che ha accolto circa 160mila richiedenti asilo nel 2015 e ha determinato una situazione di totale assenza di regole, dove gli immigrati hanno sconvolto il tessuto sociale svedese e la sua tranquillità.
In crescita i piccoli partiti: il partito di Centro ha ottenuto l’8,6%, la Sinistra il 7,9%, i Cristiano-democratici il 6,4%, i Liberali il 5,5% e i Verdi il 4,3%. In Parlamento il quadro non è molto diverso da quello che si verifica dal 2010, e non ci sono new entry al Riksdag. Tuttavia il risultato dei Democratici sta a indicare un maggiore peso politico per il partito sovranista, che metterà i bastoni tra le ruote alle politiche invasioniste e immigrazioniste messe in atto fino a oggi.
Nessuno dei partiti in lizza infatti ha ottenuto la maggioranza utile a governare e per questo si profila una situazione di incertezza. Le due coalizioni, quella “rossa” che vede tra gli alleati i Verdi e la Sinistra, e quella definita “borghese”, sono appaiate e all’orizzonte si vede la necessità di lunghe trattative per formare il governo. Con i Democratici che potrebbero fare da ago della bilancia.
Anna Pedri
 

4 Commenti

  1. Se non sbaglio circa 10 anni fa questo partito aveva solo lo 0,5% ed ora è arrivato a quasi il 18%.. Direi un grande risultato per i sovranisti, visto e considerato (questo la stampa mainstream non lo dice..) che il 20% della popolazione Svedese non è autoctona e quindi questo è un 18% sull’80% del totale.. PS: non sono però certo che questo 20% di stranieri abbia diritto di voto e quindi mi rifaccio a Voi de “Il Primato” per un’analisi più approfondita.

  2. Una splendida notizia queste elezioni dimostrano la crescita costante del malcontento degli svedesi ed è l’ennesima bastonata alle sinistre europee ,ora sarà importante capire che governo riusciranno a fare e quanto durerà dovendo fare i conti con i sovranisti

  3. come già qui evidenziato da Fabio….impossibile ignorare un problema demografico-sociale; quando si parla di “svedesi” le percentuali sono assolutamente sfalsate dagli “svedesi” solo sul passaporto,che come su modello KYENGE, pur avendo una nuova nazionalità continuano in politica a supportare e votare a favore dello straniero——bene ricordare che superata una certa soglia numerica – a mio parere come già successo in Isvezia- non si torna più indietro con i numeri del voto e della democrazia,gettando cosi qualsiasi Paese nel caos.

  4. È per me una fatica improba immaginare, focalizzare gli Svedesi attuali. Biondi, alti, altezzosi e sussiegosi discendenti dei temutissimi Vikinghi. Come hanno potuto simili cultori della pace sociale, dell’ ordine, della pulizia e del benessere farsi mettere i piedi in testa da esponenti della subumanita’ più tribale del pianeta?… Per me uno Svedese dovrebbe provare un moto di disgusto alla sola vista delle loro facce color merda dall’ odioso ghigno in bilico perenne tra il sottosviluppato sempliciotto e il furbastro tutto istinto animalesco?… Come mai si lasciano fregare senza reagire a questi beduini con estrema violenza?.. Per me è unMistero.

Commenta