Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 26 mag — Una specie di tartaruga gigante che si pensava estinta da un secolo è stata ritrovata, viva e vegeta, alle isole Galapagos. A dare l’annuncio dell’incredibile scoperta è stato il ministro dell’Ambiente dell’Ecuador, Gustavo Manrique, dopo aver ricevuto la conferma dalle analisi del Dna sull’esemplare, ritrovato nel 2019. «La credevamo estinta da oltre 100 anni! Abbiamo confermato la sua esistenza. La tartaruga della specie Chelonoidis phantasticus è stata scoperta alle Galapagos», ha twittato Manrique. Lo riporta Agi.

Sangue di Enea Ritter

La tartaruga della Galapagos che si credeva estinta è sopravvissuta

L’animale, rinvenuto due anni fa sull’isola di Fernandina, è stato sottoposto all’esame del Dna comparandolo con quello dell’ultimo esemplare della specie, classificato alle Galapagos nel lontano 1906. L’incarico di effettuare i test è andato ai genetisti dell’Università statunitense di Yale.

George il solitario

La Chelonoidis phantasticus, endemica dell’isola Fernandina, è una delle 15 specie di tartaruga gigante dell’arcipelago vulcanico delle Galapagos. Due di queste specie sono estinte: la Chelonoidis dell’isola di Santa Fe, e la Chelonoidis abigdoni dell’isola di Pinta. Di quest’ultima specie, l’ultimo esemplare era morto nel 2012. Si trattava di un maschio noto come «George il solitario», nome affibbiatogli per essersi rifiutato di accoppiarsi con femmine di altre specie. Attitudine che lo aveva lasciato senza discendenza, condannando la sua specie all’estinzione.

Il ritrovamento della tartaruga Chelonoidis phantasticus «rafforza la speranza di salvare questa specie e di evitarle il destino di George il solitario», il direttore del parco delle Galapagos, Danny Rueda. Nel frattempo, il governo dell’Ecuador sta allestendo una spedizione scientifica nell’isola Fernandina, alla ricerca di altri esemplari. La femmina rinvenuta nel 2019 era stata scoperta tra i boschi che ricoprono i fianchi del vulcano La Cumbre, uno dei più attivi sul nostro pianeta.

Cristina Gauri

 

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta