Roma, 2 mag — Finire all’ospedale con i tessuti del naso in necrosi per assomigliare alla Campanellino del cartone animato di Peter Pan, o alle facce distorte e irreali, al limite del delirio, prodotte dai filtri fotografici in voga su Instagram e TikTok.

Tutte pazze per il naso di Campanellino

E’ successo in Gran Bretagna, dove la personal trainer e influencer Kristin Lynn ha rischiato di perdere letteralmente un pezzo del proprio volto per aver aderito alla nuova moda, denominata Tinkerbell tip lift, che spopola su Instagram e TikTok. Una procedura di medicina estetica che consiste nel farsi iniettare una fiala di acido ialuronico (la sostanza chimica usata per i «ritocchini» di labbra e zigomi) sulla punta del naso, per assomigliare a Campanellino (Tinkerbell in inglese) di Peter Pan. L’operazione, che dura pochi minuti, costa tra le 300 e le 500 euro e — va da sé — deve essere praticata da mani esperte. Perché, avvertono i medici, non è una procedura semplice.

Una procedura rischiosa

Le complicazioni possono essere gravi: pelle tumefatta, necrosi dei tessuti, cecità. Lo testimonia il racconto della Lynn, che sempre su TikTok ha condiviso la propria esperienza. «Mi sono svegliata dopo il trattamento ed ero gonfia. I miei occhi erano blu, erano gonfie anche le labbra. Poi hanno cominciato a formarsi delle vesciche e i tessuti hanno cominciato ad andare in necrosi».

I medici (seri) lo sconsigliano

«La punta del naso è piena di piccoli vasi sanguigni», ha spiegato il dottor Dr Tijion Esho al Daily Mail. La procedura dei filler sul naso a base di acido ialuronico è utilizzata da tempo per eliminare gobbe o ingentilire le linee del naso senza dover ricorrere a un più invasivo intervento di rinoplastica. L’iniezione sulla punta è una estremizzazione di tale pratica. «Nessun professionista stimato farebbe questo tipo di trattamento a un paziente. Intanto perché dà un risultato innaturale e poi perché troppo rischioso». Il vero problema, prosegue, sta nel fatto che «La gente esagera sempre di più prendendo spunto dai filtri di Instagram ma non si rendono conto di quanto questo sia ridicolo nella vita reale».

Standard alieni

Se per errore si inietta il filler in un vaso sanguigno, il prodotto blocca l’afflusso di sangue e ossigeno nell’area, causando danni permanenti. Questo è particolarmente vero se a subire il blocco è il vaso sanguigno che corre lungo tutto il naso e arriva all’occhio: in tal caso la retina va in deficit sanguigno, portando alla cecità. Ecco quindi perché è importante che la persona che effettua l’iniezione abbia una formazione medica. Purtroppo, secondo la legge del Regno Unito, i «professionisti» non hanno bisogno di qualifiche mediche per iniettare il filler, poiché non è un medicinale. Un aspetto che le utenti di TikTok, accecate dalla smania di aderire a standard di bellezza alieni, sono molto poco propense a considerare.

Cristina Gauri

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta