sinjar yazidiBaghdad, 15 nov – E’ venuta alla luce dopo la riconquista da parte dei miliziani Curdi della città di Sinjar, una nuova fossa comune con i resti di 80 donne della minoranza Yazidi. La tragica scoperta è stata realizzata dai Peshmerga, nel nord-ovest dell’Iraq, dove ieri sono riusciti a strapparla alle milizie dello Stato Islamico.

A divulgare la notizia è stato il sito curdo “Rudaw”. Le vittime, a quanto sembrerebbe sono state assassinate nell’estate del 2014, proprio quando i jihadisti s’impadronirono di Sinjar, quando l’odio dei fondamentalisti si è riversato su una minoranza considerata da loro eretica.

Il sito “Rudaw” ha anche postato un video in cui mostra i resti degli oggetti appartenuti alle vittime (vestiti, scarpe, banconote) ritrovati nella fossa. Secondo il capo della sicurezza locale Qasim Simo, nell’area dovrebbero esserci una quindicina di fosse simili a questa. Già nell’agosto del 2014 erano stati trovati centinaia di cadaveri seppelliti in delle fosse nei dintorni della città di Sinjar.

Mauro Pecchia

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta