Roma, 17 mar – Oltre al danno, la beffa: Italia pronta a cedere le sue scorte di gas alla Germania, l’accordo di solidarietà sarà siglato il 29 marzo. Vi ricordate quando il premier Mario Draghi ha assicurato che abbiamo scorte di gas sufficienti per resistere a lungo alla crisi ucraina, anche in caso la Russia chiudesse i rubinetti? Ebbene, proprio noi – nello speciale del Primato Nazionale dedicato alla guerra – avevamo fatto presente che in base al meccanismo di solidarietà Ue avremmo rischiato di dover cedere (per volontà del governo Draghi, sia chiaro) le nostre scorte di oro blu ai più bisognosi. Detto, fatto.

Accordo di solidarietà Ue: Italia pronta a cedere sue scorte di gas alla Germania

Infatti il governo tedesco ha approvato ieri un accordo di solidarietà bilaterale fra Germania e Italia, che prevede delle consegne di gas in caso di estrema necessità. Secondo quanto ha appreso l’Ansa da una portavoce del ministero tedesco, l’accordo sarà firmato il prossimo 29 marzo. A margine del Berlin Energy Transition Dialogues. A siglarlo saranno i ministri Roberto Cingolani e Robert Habeck. Ed entrerà in vigore a partire da quel momento. La Germania ha già firmato un’intesa simile in passato con la Danimarca, e con l’Austria. E ha in programma di stringere accordi del genere anche con altri paesi dell’Ue.

Cosa dice il diritto europeo

Nel dettaglio – come ricordato dal governo tedesco – il diritto europeo vincola gli Stati membri dell’Ue a fornire gas in modo solidale ai Paesi in sofferenza “come ultimo rimedio per contrastare situazioni di estrema mancanza”. Grazie a questi accordi bilaterali le nazioni si vincolano a consegnare gas ai vicini così da proteggere i loro clienti. L’intesa, si legge ancora, “vale come ultimo mezzo per il contrasto di situazioni di emergenza”. L’accordo, ha spiegato una portavoce del ministero tedesco all’Ansa, “si attiva nel momento in cui uno dei due Stati dovesse essere nella situazione di aver già fatto ricorso a tutti gli strumenti per continuare a rifornire i suoi clienti. E non sia più autonomo nel farlo”.

I tedeschi hanno meno gas di noi e ne consumano molto di più

Ebbene, numeri alla mano, sarà purtroppo l’Italia a cedere il suo gas alla Germania. E non il contrario. Infatti, non solo la nostra nazione possiede più miliardi di metri cubi di oro blu di scorta (7 contro 6,5 nel 2022) ma soprattutto la Germania ne consuma molto più di noi: 86,5 miliardi contro i 67,7 dell’Italia (dati 2020).

Leggi qui il nostro speciale “Ucraina: il gioco sporco delle potenze

Adolfo Spezzaferro

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

Commenta