Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 27 mar – Come confermato ieri su questo giornale, l’Italia ha gentilmente versato 50 milioni di euro per aiutare le imprese della Tunisia ad affrontare l’emergenza coronavirus. Un prestito che ha ricevuto immediatamente il plauso dell’ambasciata italiana a Tunisi che sulla propria pagina Facebook ha scritto quanto segue: “Italia e Tunisia continuano a cooperare per superare questo difficile momento insieme. L’Italia, tramite la Cassa Depositi e Prestiti, ha versato 50 milioni di euro (circa 157 milioni di dinari) a titolo di credito d’aiuto alla Banca Centrale tunisina. Questa somma è destinata a sostenere le imprese tunisine e potrà essere utilizzata per rispondere all’impatto socioeconomico del #coronavirus in Tunisia, supportando le misure messe in campo dal Governo tunisino. È un primo passo, mano nella mano, per far fronte al #COVID19”.

Peccato che il post in questione sia stato rimosso. Come mai? L’ambasciata ha pensato che forse era preferibile evitare di pubblicizzare questa cospicua donazione da parte dell’Italia? Qualcuno nella sede diplomatica ha forse intuito che non c’è affatto da festeggiare vista il dramma che sta vivendo la nostra nazione? Sta di fatto che la nota non c’è più, sparita d’un tratto.

Eugenio Palazzini

1 commento

Commenta