Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 12 lug — #ItscomingRome, ma non è solo l’Italia ad esultare per la propria vittoria agli europei: il 4 a 3 di Wembley ha dato una enorme soddisfazione anche alla Scozia, che storicamente non può sopportare la corona britannica.



Da #itscominghome a #itscomingRome

Così The National, giornale indipendentista scozzese, sbeffeggia gli inglesi e celebra la vittoria dell’Italia riprendendo #itscomingRome, motto della tifoseria azzurra che a sua volta rifà il verso a quell’It’s coming home con cui gli inglesi speravano di riprendersi la Coppa vinta l’ultima volta nel 1966. Per giunta proprio nello stadio di Wembley, dove avevano sconfitto la Germania Ovest per 4-2.

Speranze disilluse

Purtroppo (per loro) ieri per la nazionale di Southgate ogni speranza è stata disattesa. Nonostante la partita in casa, nonostante i sessantamila tifosi all’assalto di Wembley, nonostante il doloroso (per noi) gol segnato nei primi due minuti di gioco che aveva alimentato sogni di gloria e dato l’illusione di avere la vittoria in tasca, la coppa «gliel’abbiamo alzata in faccia»: #itscomingRome. A godere di questa vittoria si è accodata quindi la redazione di The National, che già dalla vigilia aveva riposto tutte le speranze nella nazionale di Roberto Mancini, arrivando a ritrarre il ct in versione Braveheart. L’invocazione al «cuore impavido» era chiarissima: «salvaci Roberto, sei la nostra unica speranza (non possiamo sopportare l’idea di altri 55 anni di “loro” [gli inglesi] che si vantano di avere vinto)».

Detto, fatto. #ItscomingRome, quindi. The National piazza a bella posta il motto azzurro con una foto in copertina dell’uomo-partita Donnarumma circondato dai compagni in visibilio dalla gioia. Nel sommario invece, Mancini diventa «Roberto the Bruce», il primo re di Scozia nel XIV secolo. E c’è già chi su Twitter invoca il gemellaggio Italia-Scozia…

Cristina Gauri

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

Commenta