Nato-MontenegroPodgorica, 2 dic – I ministeri degli esteri dell’alleanza militare atlantica hanno invitato il Montenegro ad aderire alla Nato e diventarne quindi il 29esimo membro. La decisione, definita “storica” dal segretario generale della Nato Jens Stoltenberg, a cui ha fatto eco il premier montenegrino Milo Djukanovic, arriva sedici anni dopo il bombardamento del paese, al tempo ancora parte della Jugoslavia, da parte dell’alleanza a guida Usa durante la guerra dei Balcani. “E’ il giorno più importante per il Montenegro dopo il referendum del 2006 per l’indipendenza”, ha specificato Djukanovic.

Si tratterebbe inoltre della prima adesione alla Nato dopo l’ingresso della Croazia nel 2009 e Stoltenberg ha specificato che entro i primi mesi del 2017 si avvierà la procedura di ratificazione da parte degli altri 28 paesi membri che “l’ultima volta ha richiesto circa un anno”. A partire dal luglio 2016, durante il prossimo summit Nato che si terrà a Varsavia, il Montenegro potrà però già partecipare seppure ancora senza diritto di voto.

Non si è fatta attendere però la reazione della Russia, che già più volte in passato aveva espresso contrarierà all’adesione del paese balcanico alla Nato. Il Cremlino ha annunciato l’interruzione dei progetti di collaborazione con il Montenegro, compresi quelli militari. Il presidente della Commissione Difesa del Senato russo, Viktor Ozerov, ha specificato: “Il Montenegro oggi diventa per la Russia un paese che è un membro potenziale della minaccia alla sua sicurezza”.

Eugenio Palazzini

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam.
Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here