Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 5 lug – Mentre in queste ore l’imbarcazione a vela Alex di Mediterranea Saving Humans staziona in acque internazionali davanti a Lampedusa con un carico di 54 immigrati irregolari, un altro attacco sta per essere sferrato da una Ong al governo italiano.

Questa volta si tratta della nave Alan Kurdi della ong tedesca Sea Eye, che ha recuperato 65 immigrati al largo della costa libica (37 miglia per la precisione) e ha già diramato a Malta, Italia e Libia la richiesta di prenderli in carico. Le modalità di recupero destano qualche sospetto: come desta sospetto il fatto che queste Ong sappiano sempre il luogo in cui raggiungere i gommoni. I naufraghi, peraltro, in questo caso non disponevano nemmeno di un telefono satellitare o un gps, e sono stati raggiunti dall’equipaggio della Alan nonostante i libici avessero già assunto la responsabilità dell’intervento. “Le persone a bordo hanno avuto una fortuna incredibile a esser stati ritrovati”, ha spiegato Gorden Isler, responsabile della Alan Kurdi, “Senza telefono con guida satellite e conoscenze nautiche queste giovani persone sarebbero senza dubbio scomparse”. Il gommone aveva un motore funzionante e sufficiente carburante, ma “senza alcuna conoscenza nautica e senza telefoni, il loro destino era segnato”. Che “colpo di fortuna”.

“In Italia non arrivano: c’è un porto maltese a disposizione, vanno a Malta, e la ong tedesca può scegliere fra la Tunisia e la Germania”. Così ha detto il ministro dell’Interno, Matteo Salvini.

Cristina Gauri

La tua mail per essere sempre aggiornato

Articolo precedenteProcesso Expo, sindaco di Milano Sala condannato a sei mesi
Articolo successivoUn accordo che sa di beffa: Malta prende 54 immigrati, l’Italia 55
Classe 1977, nata nella città dei Mille e cresciuta ai piedi della Val Brembana, dell’identità orobica ha preso il meglio e il peggio. Ex musicista elettronica, ha passato metà della sua vita a fare cazzate negli ambienti malsani delle sottoculture, vera scuola di vita da cui è uscita con la consapevolezza che guarire dall’egemonia culturale della sinistra, soprattutto in ambito giovanile, è un dovere morale, e non cessa mai di ricordarlo quando scrive. Ha fatto uscire due dischi cacofonici e prima di diventare giornalista pubblicista è stata social media manager in tempi assai «pionieri» per un noto quotidiano sabaudo. Scrive di tutto quello che la fa arrabbiare, compresi i tic e le idiozie della sua stessa area politica.

3 Commenti

  1. È solo il 5 luglio …..e di questo passo, a fine settembre saranno già arrivati tutti gli 8000 che sono in Libia, piu i nuovi che stanno arrivandoci.

  2. . perché caxxo gli abbiamo regalato le motovedette ai libici? Per sequestrare i pescherecci siciliani? Hanno anche loro un giudice azzeccagarbugli?.Governo che si fa fregare da negri e facsimile…

    taglio dei capelli perfetto..hanno buoni barbieri i libici…gli si doveva regalare una poltrona da barbiere..

    legge e azzeccagarbugli…essere conniventi o fare ricorso..;

    http://www.nonnodondolo.it/content/unit%C3%A0-navali-del-corpo-delle-capitanerie-porto

Commenta