Il Primato Nazionale mensile in edicola

Londra, 16 giu – Si infiamma il dibattito nel Regno Unito, dibattito evocato dal movimento Black lives matter che ha stilato una “lista” di personaggi razzisti le cui statue dovrebbero essere abbattute. E’ accaduto a Bristol, dove una statua è stata divelta e buttata in mare; a Bournemouth addirittura si parla di rimuovere la statua di Baden Powell, il fondatore del movimento scout. Ma quanta preparazione c’è su questi personaggi storici? A giudicare dal video divenuto virale nelle ultime ore, ben poco.

Jones: “Churchill? Mai incontrato personalmente”

La presidente del gruppo consultivo indipendente di polizia di Lambeth nonché attivista antirazista Lorraine Jones ha dichiarato candidamente di non essere sicura sul fatto che la statua dell’ex primo ministro Winston Churchill debba essere rimossa perché non lo ha “incontrato personalmente“. La Jones era in collegamento con Channel 4 News per parlare con la conduttrice Cathy Newman delle recenti proteste in tutta Londra. La Jones ha suggerito che è tempo che il governo riesamini le statue storiche della città e trasferisca subito qualsiasi “cosa che non dovrebbe essere lì” in un museo.

Ma chi non conosce Churchill?

Ci vuole veramente una faccia tosta per pretendere che le statue di chi ha fatto grande il Regno Unito debbano essere relegate in un museo quando non si ha la preparazione base di storia. E’ veramente da ignoranti, infatti, non sapere chi sia Winston Churchill o in che epoca sia vissuto, specialmente per un suddito di Sua Maestà. Figuriamoci quindi se questo movimento può addirittura pretendere di buttarne giù la statua …

Ilaria Paoletti

5 Commenti

  1. I globalisti sanno che per cancellare le identità dei popoli ne devi cancellare anche l’identità storica oltre a quella nazionale, religiosa, famigliare e sesuale.Per questo promuovono attivisti anche violenti e spesso ignoranti che non sanno nemmeno da chi sono manovrati al fine di creare tensioni razziali e anche demolire le statue dei grandi del passato che hanno contribuito a fondare la nostra civiltà.La deturpazione della statua di Giulio Cesare in Belgio è una offesa assoluta al nostro passato e all’ uomo che molti storici considerano il piu’ rilevante nella storia, essendo stato un grandissimo politico, Generale e scrittore.Ma evidentemente questi vandali pensano di essere meglio di lui e di avere il diritto di giudicarlo dopo 2 mila anni quando nella realtà non valgono nulla rispetto a lui

  2. “Primato Nazionale”? Quotidiano “sovranista”?
    Dovreste vergognarvi di utilizzare le parole “nazionale” e “sovranità”, questo articolo ad andare bene può andare sulle pagine del “Leccaculo Nazionale: quotidiano colonizzato”.
    O magari si tratta della stessa ignoranza di cui parlate nell’articolo e dovete semplicemente tornare a studiare tutte le “buone cose” che Churchill ha fatto per l’Italia?

    Inoltre dite che “ha fatto grande il Regno Unito”, ma grande in che senso?
    Di sicuro non nel senso di estensione territoriale: senza la guerra voluta da Churchill l’Impero Britannico non sarebbe collassato economicamente e probabilmente non avrebbe perso i suoi possedimenti in così poco tempo, come successo dopo il ’45.
    Grande dal punto di vista della cultura, civiltà e morale? Politiche stile Holodomor in India, supporto per la distruzione dei nativi Americani e Africani, supporto incondizionato al Sionismo ed alla finanza internazionale, alcolismo furono tra le sue doti migliori. È possibile che per voi queste siano “grandi cose”, cioè è legittimo. Quello che non è legittimo è che continuiate a immerdare in questo modo i concetti di nazione e sovranità

    • Purtroppo si cammina su strade colme di voragini di mancata conoscenza e memoria (grave lacuna e incapacità che trovano origine nei trascorsi scolastici post sessantottini)…, bene chi lo rimarca. Solo così si migliora.

Commenta