Lubiana, 4 giu – La destra anti-immigrazione ha vinto le elezioni in Slovenia e ora deve cercare dei partner per la formazione del nuovo governo. L’SDS, il Partito Democratico Sloveno, guidato dall’ex premier Janez Jansa, alleato di Orban, ha ottenuto il 25% dei voti, davanti alla Lista di Marjan Šarec (LMS) – di centrosinistra e populista – che prende il nome dal suo leader, ex giornalista, attore e comico sloveno, che ha ottenuto il 12%. Seguono i socialdemocratici (SD) con il 9,9% e 10 deputati, e il Partito del centro moderno (SMC) del premier uscente Miro Cerar al quale è andato il 9,7% e 10 deputati
L’SDS ha vinto le elezioni, e si è aggiudicato 25 seggi su 90, dopo aver condotto una campagna elettorale all’insegna della lotta all’immigrazione clandestina. “Patria al primo posto” è stato lo slogan di Jansa, che era già stato al governo della Slovenia dal 2004 al 2008, e dal 2012 al 2013. Accanto alla lotta all’immigrazione nel programma del Partito Democratico Sloveno è rientrata anche la promessa di tagliare le tasse e di accelerare la privatizzazione di diversi settori dell’economia nazionale. Un programma premiato dagli sloveni che hanno spazzato via il centrosinistra.
La Slovenia sarà più sicura e la fiducia accordataci oggi dagli elettori ci rende forti”, ha scritto su twitter Jansa, anche se le sue prime parole, a spoglio non ancora concluso sono state: “Non vediamo l’ora di iniziare. Non abbiamo paura del domani, noi guardiamo avanti”. L’impresa, ora, è quella di riuscire a trovare alleati per la formazione del governo. Al momento l’unica forza politica che si è detta disponibile è stata Nova Slovenija, di centrodestra, che ha preso il 7,1 per cento dei voti. Ma la somma dei seggi dei due partiti non sarà sufficiente a ottenere la maggioranza in Parlamento di 46 seggi.
Appena dopo aver votato Jansa aveva dichiarato: che il voto per l’SDS sarebbe stato “il primo passo per mettere gli sloveni al primo posto, per dare priorità alla sicurezza e al benessere della Slovenia e degli sloveni”. Gli elettori lo hanno ascoltato.
Anna Pedri

1 commento

  1. Vogliono ” accelerare la privatizzazione di diversi settori dell’economia nazionale”?? E questi sarebbero populisti che vogliono il bene del popolo svendendo i beni della nazione a stranieri come ha fatto il PD con l’Italia???

Commenta