Vienna, 4 lug – Non solo Francia e Spagna voltano le spalle all’Italia e chiudono i loro porti, anche l’Austria dice no al flusso degli immigrati, che rimangono così in Italia. Vienna, infatti, ha annunciato che presto al Brennero tornerà l’esercito austriaco, se non diminuiranno gli immigrati che passano il confine. Ci sono in tutto 750 militari pronti a essere schierati, ha annunciato il ministro della Difesa austriaco Hans Peter Doskozil al quotidiano Kronen Zeitung.

Nel dettaglio: 450 militari saranno di stanza in Tirolo e 300 in Carinzia. Anche il governatore del Tirolo, Guenther Platter, si è detto favorevole al rafforzamento. E sembra proprio che questa volta Vienna faccia sul serio: lo scorso fine settimana ha già mandato in Tirolo quattro carri armati, pronti a essere posizionati al Brennero. “Credo che molto presto saranno attivati controlli alle frontiere e ci sarà bisogno di un dispiegamento dell’esercito” spiega il ministro che ha sottolineato come di fronte all’invasione l’esercito sia “indispensabile”.

Le minacce che l’Austria ha sempre lanciato all’Italia, accusata di non fare controlli a sufficienza per regolamentare il flusso dei migranti, sembra stiano per concretizzarsi. Il ministro ha infatti dichiarato che le forze militari possono essere “pienamente operative entro 72 ore, in caso di allarme lanciato dai servizi competenti”.

Sulla scorta di questa chiusura dei confini agli immigrati che pur essendo arrivati in Italia se ne vorrebbero andare più a nord, anche la Svizzera ha in previsione una stretta alle frontiere con Piemonte e Lombardia, dove dovrebbero arrivare poliziotti federali a pattugliare il confine. Berna è già pronta da tempo, dal momento che nel 2015 mise a punto un piano per inviare 800 uomini a dare man forte ai colleghi del Ticino, dei Grigioni e del Vallese “in caso di emergenza rifugiati”.

Roma, quindi, è sempre più sola, con i suoi immigrati che dalla Libia partono a ritmo serrato e che le ong si preoccupano di trasbordare sulle loro navi sicure per farli arrivare presto sulle coste italiane. E dall’Europa solo promesse. Da marinaio.

Anna Pedri

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam.
Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here