Parigi, 28 apr – Domenica scorsa, Emmanuel Macron è stato eletto presidente della Francia per la seconda volta consecutiva: il risultato finale del ballottaggio gli ha consegnato il 58% dei voti, a fronte del 41% di Marine Le Pen. E così, ieri mattina, l’inquilino dell’Eliseo ha deciso di riapparire in pubblico per festeggiare la sua rielezione. Ma le cose non sono andate per il verso giusto: presentatosi a un mercato piuttosto affollato, Macron è stato preso di mira da alcuni contestatori, che gli hanno lanciato addosso dei pomodori.

Pomodori per Macron

Le guardie del corpo del presidente hanno reagito prontamente: anche se i pomodori non hanno colpito direttamente Macron, gli agenti della sicurezza gli hanno prima protetto la testa per aprire infine un ombrello nero. Il tutto è avvenuto a Cergy, comune di circa 60mila abitanti situato nel dipartimento della Val-d’Oise, a circa 30 chilometri da Parigi. La visita di Macron era stata annunciata all’ultimo con questo comunicato: la comparsata aveva l’intento di «manifestare quella che è la volontà del presidente della Repubblica sin dal 2017, cioè di scendere in piazza a contatto con le francesi e i francesi, per confrontarsi con loro, per ascoltare le loro preoccupazioni, le loro aspettative e le loro esigenze». Ma le cose, appunto, non sono andate benissimo.

Contro Marine

Ma perché Macron aveva scelto proprio Cergy? In questo comune dell’entroterra parigino, il presidente ha raccolto il 76% delle preferenze al ballottaggio. Un ottimo risultato, certo, ma al primo turno i cittadini di Cergy avevano abbondantemente premiato il candidato dell’estrema sinistra Jean-Luc Mélenchon con il 48% dei suffragi. In pratica, in molti lo hanno votato turandosi il naso. Del resto, come emerso da alcune rilevazioni, ben il 42% dell’elettorato del presidente lo ha scelto al secondo turno solo per impedire alla Le Pen di vincere. E così, invece degli applausi, Macron ha raccolto solo pomodori.

Il video

Elena Sempione

La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

  1. ….peccato che non é tempo di mele….e gli ananas costano..hanno votato macron ma non si turano il naso: gente incoerente…

Commenta