Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 7 lug – Poiché Melania è la moglie del repubblicano Donald Trump, in corsa per il secondo mandato come Presidente degli Stati Uniti d’America, c’è sempre un valido motivo per attaccarla. L’ultimo gossip l’ha vista coinvolta in occasione delle celebrazioni del 4 luglio: la First Lady è stata presa di mira dagli utenti di vari social che hanno criticato l’abito bianco con disegni simili a schizzi. “Trump si annoiava sull’Air Force One e ha disegnato sul vestito bianco di Melania con un pennarello”, è uno dei tanti tweet.

La coppia presidenziale è sempre nel mirino dei media: le redazioni di giornali e tv passano al setaccio milioni di immagini che ritraggono la bella First Lady – 50 anni compiuti lo scorso 26 aprile – per trovare uno sguardo obliquo, un sopracciglio sollevato, uno sbuffo, un sospiro di troppo, allo scopo di dimostrare che fra i due non c’è né affetto, né stima, né complicità. Per raggiungere lo scopo sono stati arruolati psicologi e studiosi di body language. Nel libro The Art of Her Deal: The Untold Story of Melania Trump, della giornalista del Washington Post Mary Jordan, si sostiene che oltre ad essere ambiziosa come il marito, Melania sarebbe una specie di cinica calcolatrice che avrebbe usato (appena Trump fu eletto presidente) il ritardato trasferimento alla Casa Bianca come pretesto per rinegoziare l’accordo prematrimoniale e che sarebbe molto diversa da come appare, per niente timida e riservata.

“Pronta a servire”

Sono pochi i media che mettono in evidenza le qualità della bella slovena che parla 6 lingue (tra cui l’italiano) e che ha commesso l’imperdonabile errore di sposare il marito sbagliato e per di più di 24 anni più vecchio. Certe comari preferiscono il modello francese con la premièr dame di 24 anni più “grande” del presidente Emmanuel Macron. Indigesta anche la frase pronunciata da Melania all’indomani dell’elezione del marito, quel «pronta a servire» che deve aver mandato di traverso i drink di tante profetesse liberal.

Melania, la First Lady più popolare

Nonostante tanti commenti velenosi e acidi indirizzati a lei per colpire Trump, Melania è molto popolare. In Italia ad esempio esistono almeno 4 community a lei ispirati con circa 2.500.000 follower. Ogni uscita pubblica dell’ex modella che viene dall’Est fa scorrere fiumi d’inchiostro e impennare le interazioni sui social. Le sue foto partono dai 200mila like in su. Nonostante i giornali provino in ogni modo a demolirne la figura, gli americani apprezzano la sua discrezione e la serenità che appare sul suo volto. Melania è imitatissima, tanto che su Instagram continuano a spuntare account dedicati al suo guardaroba, che in molti gli rinfacciano essere a sei zeri. Ma la moglie di Trump non ha paura a sfoggiare abiti elegantissimi in ogni circostanza. «Adoro Melania – scrive un follower – riesce ad essere vestita sempre alla perfezione anche con una pala in mano».
Antonietta Gianola

1 commento