Home » Meloni a Kiev: cosa c’è dietro il viaggio, oltre i “convenevoli” con Zelensky

Meloni a Kiev: cosa c’è dietro il viaggio, oltre i “convenevoli” con Zelensky

by La Redazione
4 comments
Meloni Kiev ricostruzione ucraina

Roma, 22 feb – Giorgia Meloni vola da Volodymyr Zelensky per un incontro ufficiale a Kiev. Ma, al di là degli scambi di convenevoli scontati tra il premier italiano e il presidente ucraino, è interessante vedere su cosa si potrebbero svilppare i rapporti tra i due Paesi, su un aspetto su cui si “mormora” da mesi: la ricostruzione in Ucraina.

Meloni a Kiev, i convenevoli con Zelensky

Fin qui siamo sull’ovvio, e il viaggio di Meloni a Kiev non poteva non esprimerlo. Il presidente del Consiglio ribadisce per l’ennesima volta il pieno sostegno all’Ucraina, anche con il supporto di armi, definite “il migliore strumento per la pace”: “Ho ribadito il pieno sostegno dell’Italia di fronte all’aggressione Russa, l’Italia non intende tentennare e non lo farà. E’ passato quasi un anno dal giorno che ha riportato le lancette della storia indietro di qualche decennio, l’invasione sarebbe dovuta durare qualche giorno ma non è andata così perché è stata sottovalutata l’eroica reazione di una nazione disposta a tutto per difendere la sua libertà, identità e sovranità”, ha detto il premier. Il passaggio interessante riguarda il momento in cui la dichiarazione congiunta dei due presidenti sottolinea un aspetto con particolare enfasi, come messo in evidenza dall’Ansa: “L’Ucraina è pronta a riconoscere l’importante ruolo dell’Italia nella ricostruzione e nella rapida ripresa del Paese”.

L’Italia e il business della ricostruzione in Ucraina

La dichiarazione congiunta lascia pensare che l’Italia giocherà un ruolo importante negli investimenti di ricostruzione in Ucraina. Meloni, non a caso, ha già annunciato una conferenza specifica a Roma. Non solo quello, però. Le aree di maggiore interesse, per il nostro Paese, dovrebbero risiedere a Sud, dove ci si avvia a poter esercitare quello che è stato definito una sorta di “patronato”. La città di primario interesse, da quanto trapelato, è Odessa. Nonché candidata all’Expo 2030 come Roma. Ma per cui c’è la prospettiva di una specie di alleanza “contro” Busan e Riad, altre concorrenti. Per andare al sodo, le imprese italiane potrebbero essere attive nella ricostruzione delle infrastrutture del Paese, ma anche sulle telecomunicazioni, sull’agroindustria, e sulle energie rinnovabili. Insomma, un largo spazio di manovra. E una proposta di “alleanza” sull’Expo che è ben più di una speculazione, visto che in un passaggio della conferenza stampa riportato da LaPresse le parole del premier sono piuttosto inequivocabili: “Penso che sarebbe un segnale importante che l’Expo tornasse in Europa. Roma e Odessa sono candidate, dobbiamo provare a ragionare di come lavorare insieme, sarebbe un bel segnale europeo e di come crediamo che le cose andranno bene”.

Alberto Celletti

You may also like

4 comments

Hdv 22 Febbraio 2023 - 10:20

Meloni Meloni… Ma che fai… Sei andata a coccolare il lupo col vestito di agnello… ?

Reply
fabio crociato 22 Febbraio 2023 - 1:21

L’ importante è che il criminale venditore di tutto e di tutti vada fuori dai c. e non osi farsi le vacanze a vita in Italia !

Reply
Cesare 23 Febbraio 2023 - 12:25

Cosa c’è dietro al viaggio nel paese governato dai nazisti??
-Crosetto a capo dell’ industria delle armi italiane che stà facendo grandi affari, pagati da noi visto che l’Ucraina è uno stato fallito che inoltre cesserà di esistere.
-La Meloni che da sovranista è diventata una altra cameriera della nato cioè degli USA
-per quanto concerne la ricostruzione a cui certi privati sarebbero interessati,viene da ridere dato che la maggioranza dell’ Ucraina passerà alla Russia, che non ha nessuna voglia di avere missili atomici americani a 300 km da Mosca che la raggiungerebbero in 4 minuti, rendendo impossibile una risposta nucleare

Reply
Attacco hacker all'Italia e gruppi filorussi: cosa sappiamo 23 Febbraio 2023 - 8:33

[…] Meloni a Kiev: cosa c’è dietro il viaggio, oltre i “convenevoli”… […]

Reply

Commenta

Redazione

Chi Siamo

Il Primato Nazionale plurisettimanale online indipendente;

Newsletter

Iscriviti alla newsletter



© Copyright 2023 Il Primato Nazionale – Tutti i diritti riservati

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: