guzman arrestoCittà del Messico, 9 gen – Torna in cella Joaquìn “El Chapo” Guzman, il più ricco e famoso dei narcotrafficanti che, grazie ad un piano clamoroso, lo scorso luglio era riuscito ad evadere (per la seconda volta) da un carcere di massima sicurezza. Da quel giorno, sotto attacco per lo smacco, il governo ha posto la cattura di Guzman fra i primi posti della propria agenda.

Leggi ancheCosì “El Chapo” è scomparso nel gabinetto (IL VIDEO della fuga)


La latitanza del principale “narcos” messicano è durata solo 6 mesi, rispetto ai quasi 10 anni successivi alla sua prima evasione. Già in ottobre la polizia l’aveva individuato, riuscendo solo a ferirlo durante una sparatoria ma senza arrivare alla cattura. Ci hanno dovuto pensare gli uomini della Marina, che l’hanno scovato presso la località di Los Mochis nello stato di Sinaloa, zona nordoccidentale del Messico da cui prende nome anche il suo cartello, appunto Cartello di Sinaloa. L’operazione non è stata incruenta: prima dell’arresto i militari sono stati impegnati in un conflitto a fuoco durante il quale son rimasti uccisi cinque uomini della scorta di Guzman, che era protetto da un vero e proprio arsenale. “El Chapo” tornerà ora nello stesso carcere da cui è evaso.

Missione compiuta: lo abbiamo preso. Voglio informare i messicani che Joaquin Guzman Loera è stato arrestato”, ha commentato via Twitter, subito dopo l’operazione, il presidente del Messico Enrique Peña Nieto.

Roberto Derta

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here