Il Primato Nazionale mensile in edicola

IsisRoma, 24 feb – Nuova offensiva dell’Isis in Siria mentre sul web i terroristi tornano a minacciare l’Italia. Gli uomini dello Stato islamico hanno fatto irruzione nelle prime ore del mattino nel villaggio nel pressi di Tell Tamer, non lontano daAl-Hasakah, nel nord-est del Paese, dove si registra una alta concentrazione di popolazione assiro-caldeo-siriaca.

Gli jiahdisti hanno dapprima separato le donne e i bambini dagli uomini, per poi prendere in ostaggio diversi abitanti, portandoli nelle montagne di Abd al-Aziz. Le donne e i bambini rimangono nel villaggio, che resta presidiato dai miliziani.

Non è chiaro quanti sarebbero gli uomini presi ostaggio, ma secondo il racconto potrebbe trattarsi di diverse centinaia: l’Isis li starebbe utilizzando come “merce di scambio”, chiedendo per la loro liberazione la consegna di prigionieri nelle mani dei combattenti curdi impegnati nella lotta all’Isis, minacciando altrimenti di ucciderli. Anche l’agenzia di stampa siriana Sana ha riferito che gli jihadisti hanno lanciato attacchi in diversi villaggi in Siria, incluso Tal Hermez, Tal Shamiram, Tal Riman, Tal Nasra, al-Agibash, Toma Yalda and al-Haooz, nell’est del Paese, uccidendo decine di persone.

Gli attacchi sono stati compiuti a bordo di veicoli pesanti e i miliziani hanno bruciato una delle chiese più antiche della Siria, a Tal Hermez, secondo l’agenzia Sana, che cita fonti locali. L’obiettivo dell’Isis per l’agenzia è di fare terra bruciata, per tracciare una sorta di corridoio che arrivi fino al confine con la Turchia, allo scopo di facilitare il passaggio di armi e mercenari.

Intanto è allarme per le ultime minacce Isis all’Italia. Un miliziano avrebbe messo in guardia Roma dall’entrare in guerra contro lo Stato Islamico per evitare che il Mediterraneo sia “colorato dal sangue dei suoi cittadini“. Secondo Site, il sito americano specializzato nel settore, si farebbe riferimento all’azione di potenziali lupi solitari italiani.

Commenta