Roma, 7 set – Dopo l’istituzione di Leonardo Poland (con sede a Varsavia) ed i recenti successi ottenuti con gli elicotteri AW101 ed i velivoli da addestramento M-346, l’azienda continua a rafforzare la già stretta collaborazione con la Polonia e le sue forze armate.

Leonardo al MSPO

Leonardo ha partecipato, nei giorni scorsi, alla 27° edizione del salone internazionale della Difesa (MSPO) che si è tenuto a Kielce, presentando diversi progetti che puntano a soddisfare i sempre più stringenti requisiti delle forze armate polacche.


La presenza industriale di Leonardo in Polonia è legata principalmente a PZL- Świdnik (appartenente alla holding PGZ), costruttore elicotteristico nazionale con oltre 65 anni di attività e più di 7400 unità prodotte per clienti di oltre 40 Paesi. Una realtà che ha reso la Polonia una delle poche nazioni dotate di autonome capacità di progettazione, sviluppo, produzione e supporto nel settore.

Eurofighter ed elicotteri

Grande attenzione è stata data all’ Eurofighter Typhoon ed alla sua Long Term Evolution, ponte tecnologico per avvicinare l’EF2000 alla sesta generazione di velivoli. La campagna è molto “sentita” in Leonardo visto che sarà prime contractor nell’ambito del consorzio che vede coinvolte, come noto, anche la Gran Bretagna, la Germania e la Spagna.

Sul fronte dei trainers, forti della flotta di 16 M346 Master acquistata dalla Polonia (di cui 8 già consegnati) che verranno aggiornati allo standard NATO STANAG 4193 Edition 3 IFF entro il 2021, Leonardo punta sulla variante M-346FA, che rappresenta una soluzione tattica altamente efficace e a costi contenuti, ideale per i moderni scenari operativi.

Nel settore elicotteristico protagonista è stato il W-3PL Głuszec, la versione più moderna del Sokol. Previsto anche uno stand per l’elicottero AW101, recentemente acquistato dalla marina polacca. Da evidenziare inoltro l’avanzamento delle attività per lo sviluppo (sempre insieme a PGZ) dell’AW249, unico nuovo elicottero da combattimento attualmente in progettazione.

Collaborazione sui satelliti

In campo spaziale, attraverso le joint venture Thales Alenia Space e Telespazio, Leonardo fornisce al ministero della Difesa polacco il segmento di terra per la ricezione e l’elaborazione di dati e prodotti della costellazione di satelliti italiani COSMO-SkyMed. A breve, il programma COSMO-SkyMed sarà arricchito con il lancio di satelliti di seconda generazione. Leonardo è anche attiva nelle comunicazioni satellitari per impieghi militari e commerciali (Milsatcom): Telespazio ha firmato con il dicastero di Varsavia un contratto pluriennale per l’utilizzo dei canali UHF della famiglia di satelliti italiani per le comunicazioni militari SICRAL e fornisce servizi di trasmissione televisiva.

Questi alcuni esempi della collaborazione instaurata che spazia anche sul mondo degli Unmanned (con l’elicottero SW-4), nelle comunicazioni satellitari per impieghi militari e commerciali e degli armamenti (come ad esempio le torrette HITFIST). Una collaborazione che porta numerosi vantaggi, in termini economici ed occupazionali, ad entrambi i Paesi.

Aldo Campiglio

Commenti

commenti

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here