Roma, 7 apr – “Multeremo chi indossa il velo“: lo annuncia Marine Le Pen, la candidata alle presidenziali francesi che ha promesso di vietare l’uso del velo islamico negli spazi pubblici. “Verrà inflitta una contravvenzione così come accade per il divieto di circolare senza la cintura di sicurezza. Mi sembra che la polizia riesca molto bene a fare applicare questa misura”, afferma la leader di Rassemblement National ai microfoni di radio Rtl.

Le Pen: “Multeremo chi indossa il velo”

“E’ una misura assolutamente applicabile – sostiene la Le Pen – è ancora una volta una misura che i francesi chiedono“, perché “in questi ultimi venti anni questo velo è stato utilizzato dagli islamisti come uniforme e come dimostrazione dell’avanzata del fondamentalismo islamista”. “Noi – chiarisce – non stiamo combattendo contro le persone ma contro un’ideologia totalitaria che si chiama islamismo“.

Le leggi francesi su burqa e niqab

Nel 2011, la Francia è stata il primo Paese europeo a varare la legge (entrata in vigore in aprile di quell’anno) che ha messo al bando l’uso del burqa, vietando la “dissimulazione del volto nei luoghi pubblici”, senza menzione esplicita del velo integrale islamico. Tuttavia le donne che indossano il burqa o il niqab devono pagare una multa, e possono essere obbligate a seguire uno stage di “educazione civica”. La legge crea inoltre un nuovo reato, la “dissimulazione forzata del viso”. Chi obbliga una donna a coprirsi completamente rischia il carcere ed una multa. Ma ora la candidata alle presidenziali, in forte crescita nei sondaggi in vista del voto di domenica, intende spingersi oltre, vietando anche il semplice velo.

La leader di Rn in recupero su Macron nei sondaggi

Le elezioni di domenica si terranno in un clima che risentirà anche della guerra in Ucraina. A tal proposito, la leader di Rn, data in recupero sul presidente uscente Emmanuel Macron, nei giorni scorsi ha fatto presente che attaccare personalmente Putin per la guerra in Ucraina non aiuta certo a raggiungere un cessate il fuoco. Macron dal canto suo si è giocato la carta del mediatore internazionale, dando lustro alla sua nazione (con l’auspicio che questo porti voti).

Adolfo Spezzaferro

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

Commenta