Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 27 dic – “E’ un messaggio ai cristiani del mondo intero”. Con queste parole, in un macabro video diffuso in rete, un terrorista a volto coperto ha motivato la strage di cristiani in Nigeria. Nel terrificante filmato viene mostrata infatti l’esecuzione di 11 uomini presentati come cristiani catturati “nelle ultime settimane” nello stato nord-orientale di Borno. A rivendicare la strage è stato un gruppo jihadista affiliato all’Isis, dichiarando di aver trucidato 11 cristiani per vendicare la morte del leader dell’ex sedicente “Califfo” Abu Bakr al-Baghdadi e del suo portavoce Abul-Hasan Al-Muhajir, entrambi uccisi probabilmente in un blitz guidato dagli Stati Uniti lo scorso ottobre in Siria.

Massacro nel giorno di Natale

Il video è stato postato online dall’agenzia Amaq, organo di propaganda dell’Isis, e mostra 11 persone con gli occhi bendati che vengono barbaramente uccise: fucilate e poi accoltellate in una località della Nigeria non identificata. Il gruppo che ha rivendicato la strage è l’Iswap, acronimo per Provincia dell’Africa Occidentale dello Stato islamico, sorto da una scissione del più noto gruppo jihadista nigeriano Boko Haram e che avrebbe prestato fedeltà all’Isis. Un massacro avvenuto proprio nel giorno di Natale, proprio per lanciare un preoccupante segnale ai fedeli cristiani.

L’uomo a volto coperto che compare nel video afferma di avere ancora due ostaggi e lo scorso 17 dicembre la stessa sigla jihadista aveva diffuso un altro filmato in cui 13 ostaggi imploravano l’aiuto del presidente nigeriano Muhammadu Buhari e della Christian Association of Nigeria. Non si tratta però del primo attacco terroristico per vendicare la morte di Al Baghdadi. L’Isis ha infatti rivendicato da ottobre una serie di attentati in varie nazioni con la stessa terribile motivazione.

Eugenio Palazzini

4 Commenti

  1. A Francè , stai sempre a (s)parlà de li africani ….mò che fai ??????
    nùn t’ ho sentito bbene …. anzi nùn t’ho sentito proprio .

    a Francè ma vattene a …… Buenos Aires .

Commenta