Roma, 25 giu – La Nippon Kaigi (Conferenza sul Giappone) fu fondata nel 1997 ed è la più grande formazione patriottica del Sol Levante. Nel 2020 era composta da circa 40mila membri. Nonostante la sua grande influenza sul governo l’organizzazione è stata fino al 2015 sconosciuta al grande pubblico.

I movimenti precursori della Nippon Kaigi

La Nihon wo Mamoru Kai era un’organizzazione religiosa formata nell’aprile 1974 come gruppo shinto-buddista dall’allora abate capo Asahina Sōgen del tempio di Kamakura Enkakuji. L’associazione religiosa più importante al tempo della sua fondazione era la Seichō-no-Ie (Casa della crescita).
Nel luglio del 1978 dalla Nihon wo Mamoru Kai nasce la Gengō Hōseika Jitsugen Kokumin Kaigi (Conferenza Nazionale per l’uso legale dei nomi delle ere del regno degli imperatori). Incentrato su questo movimento fu lanciato un movimento nazionale (kokumin undō) e il 6 giugno 1979 la Dieta Giapponese approvò un disegno di legge sui nomi delle ere, trasformando la pratica in legge.

L’organizzazione, avendo fatto passare con successo il decreto sui nomi delle ere, si riorganizzò nell’ottobre 1981 come Nihon wo Mamoru Kokumin Kaigi (o semplicemente come Kokumin Kaigi, movimento nazionale), ovvero come organizzazione permanente per la promozione di un movimento nazionale per la revisione della Costituzione e un governo di unità nazionale.
Al suo lancio i suoi funzionari includevano il presidente Kase Shunji (primo ambasciatore del Giappone alle Nazioni Unite, ora deceduto) il presidente del comitato direttivo Mayuzumi Toshirō (musicista, futuro presidente del Kokumin Kaigi, deceduto), il segretario generale Soejima Hiroyuki (consigliere permanente presso il santuario Meiji e membro anziano della Nippon Kaigi, deceduto) il segretario esecutivo Kabashima Yūzō ( attuale segretario esecutivo della Nippon Kaigi).

La prima edizione della testata ufficiale Kokumin Kaigi Nihon no Ibuki (Il soffio di energia del Giappone) fu pubblicata il 15 aprile 1984. Ai tempi non era un mensile e prima della fondazione della Nippon ne furono pubblicate solo 113 copie. Persino dopo che divenne l’organo ufficiale della Nippon Kaigi continuò a essere pubblicato sotto lo stesso nome e classificato come “una rivista di opinione con lo scopo di creare una nazione orgogliosa“. Nella relazione di apertura dell’assemblea plenaria della Kokumin Kaigi il presidente del comitato esecutivo Mayuzumi Toshirō delineò l’obbiettivo base di “revisionare “ la Costituzione e di formare una nazione incentrata sulla figura dell’Imperatore:

Al fine proteggere il Giappone ci sono 2 problemi da risolvere:
Quello di proteggere la nazione con forza militare fisica e quello dell’istruzione ovvero quello di proteggere la nazione con la nostra mente e lo spirito. Nel processo di unificazione di questi 2 punti la Costituzione è l’ostacolo principale, però io credo che il cuore della protezione si riduce a come percepiamo il nostro stato nazione o in altre parole a come percepiamo la figura del nostro Imperatore . Quando chiediamo di modificare la Costituzione, ciò dipende prima di tutto dal nostro percepire la nostra coscienza nazionale. Dobbiamo anche considerare di iniziare a creare una chiara politica nazionale legata alla figura dell’Imperatore. In altre parole io credo che se c’è un’adeguata coscienza nazionale i problemi legati alla costituzione, all’educazione e alla difesa devono essere approcciati partendo dal problema di base della mente – vale a dire l’istituzione di un ‘adeguata coscienza nazionale. (Nihon no Ibuki, #2, 15 giugno 1984 ).

La forma attuale

La Nippon Kaigi nasce nel 1997 come fusione delle organizzazioni sopra citate. Il primo presidente e fondatore è stato Koichi Tsukamoto, fondatore dell’industria tessile Wacoal. La Nippon Kaigi conta circa 40mila membri, 47 sezioni all’interno delle prefetture e 230 sezioni a livello locale .

Il pensiero in sintesi

La Nippon Kaigi si pone essenzialmente 6 obiettivi:

1 – Una meravigliosa sovranità nazionale per il futuro del Giappone. La promozione di un senso di unità e di sviluppo sociale basata intorno alla Famiglia Imperiale e sull’identità nazionale giapponese e su tradizioni e valori condivisi.

2 – Una nuova Costituzione aggiornata ai tempi. La restaurazione del diritto di autodifesa, correggere lo squilibrio tra diritti e obblighi con il rafforzamento del ruolo della famiglia e allentando la separazione tra religione e stato.

3 – Una politica che difenda l’istituzione statale e la vita delle persone. Affrontare la perdita di interesse pubblico per la politica e il governo assumendo una posizione più aggressiva nella gestione dei dibattiti storici e nella gestione delle crisi.

4 – Creare un’educazione che promuova un senso di identità giapponese. Affrontare i vari problemi che sorgono nel sistema educativo giapponese (bullismo, prostituzione ecc…) e istituire il rispetto per la bandiera nazionale e l’inno del Giappone, e per la storia, la cultura e le tradizioni nazionali.

5 – Contribuire alla pace nel mondo rafforzando la sicurezza nazionale. Rafforzare il potere di difensivo giapponese per controbilanciare Cina, Corea del Nord, Russia e altre potenze ostili e ricordare i caduti in guerra del Giappone.

6 – Amicizia con il mondo legata a uno spirito di convivenza e di prosperità reciproca. Costruire relazioni amichevoli con l’estero attraverso programmi di scambio sociale e culturale.

La Nippon Kaigi è attualmente il principale attore di un cambiamento culturale e spirituale profondo all’interno della società Giapponese. A differenza di molti piccoli gruppi simili ideologicamente, i suoi forti legami con gran parte dell’establishment la rendono assai influente in Giappone.

Franz Camillo Bertagnolli

La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

  1. Nippon kaigi…zaitokukai,.io sono Italo-giappo-koreano,,e ho vissuto per 20 anni in Giappone…cosa ne penso di tutti sti nazionalisti???sono dei deficienti!!!guidati dal figlio di un criminale di guerra nonché membro del regime fascista militare nipponico, finito ufficialmente in 1945,, Abe ,,al giapponese medio,,non frega niente del riarmo,, tantomeno delle kuriilii islands,,il nippon kaigi e il principale responsabile della cultura isolata giapponesee,, laddove nella scuola nipponica i giovani vengono diseducati a relazionarsi con i non giapponesee,, questo xchè guai se il giapponese medio di rende conto,,che lavorare dalle8 del mattino,,alle 22,, non è proprio democrazia 😉…poi sono quelli che nel 2022, rifiutano la cittadinanza a giovani,,nati e vissuti in Giappone,, però etnici koreani,,,con famiglie che vivono in Giappone già da fine 800🤦🏻‍♀️🤦🏻‍♀️🤦🏻‍♀️..sono quelli che riconoscere i crimini commessi contro il popolo koreano,, levati proprio!!!e sono quelli che fanno tutte quelle leggi,,che glielo mettono nel culo,,agli italiani,, cioè a voi,,se dovete richiedere un permanent visa o un permesso per matrimonio con un cittadino nipponico,,, cioè ostacolano il formarsi di coppia mista,,,i giapponesi,,come i koreani e italiani,,sono frutto di incroci etnici avvenuti nel corso di millenni.. si vede che il Giappone lo avete visto solo sull atlante…non esaltate gentaglia simile,,, grazie al nippon kaigi,,il Giappone,,che potrebbe essere un paradiso terrestre,,,e un paese di sfruttamento,, enormi problemi sociali interni,,alta quota di violenze sessuali,psicologiche e domestiche,,e dove i rapporti sociali,,sul lavoro,,sono di tipo feudale…. grazie

  2. Grazie a te. Ma parlaci pure un po’ della questione droga e drogati causa pesanti intromissioni estere… visto che il té eccezionale giapponese sta lasciando il passo… a cosa? Converrai ovviamente che bisogna sempre sapere cosa ci danno a bere, o no?

Commenta