ucraina 2Kiev, 24 gen – In Ucraina le trattative di pace continuano ad andare di pari passo con l’escalation bellica. Oggi alcuni razzi Grad si sono abbattuti sulla città portuale di Mariupol, nel sud-est ucraino, uccidendo una decina di persone. Lo fanno sapere fonti della polizia ucraina citate dall’agenzia Interfax.

Mariupol è collocata lungo la strategica arteria che collega le regioni orientali controllate dai ribelli alla penisola di Crimea. I ribelli controllano già l’aeroporto di Mariupol e stanno intensificando la loro offensiva per conquistare la città.


Inoltre i miliziani separatisti sostengono di aver strappato alle forze armate di Kiev la cittadina di Krasni Partizan, vicino Donetsk, nel sud-est ucraino. La notizia – annunciata dall’agenzia dei ribelli “Novorossia” – è stata confermata dall’esperto militare pro-Kiev Dmitri Timchuk.

Tutto questo non fa che far alzare la tensone, anche diplomatica. Vladimir Putin ha recentemente accusato Kiev di aver compiuto “bombardamenti criminali” contro i civili, come la strage a una fermata di bus, e di aver lanciato un’azione militare su larga scala lungo la linea del fronte.

Intanto il presidente ucraino Petro Poroshenko ha sollevato Ghennadi Kuznetsov dall’incarico di capo del centro per le operazioni speciali di lotta al terrorismo dei servizi di sicurezza di Kiev. Kuznetsov era stato nominato nel marzo scorso dall’allora presidente ad interim Oleksandr Turcinov.

Secondo l’Alto commissariato Onu per i diritti umani, la guerra in Ucraina ha finora causato 5086 morti, di cui 262 negli ultimi nove giorni.

Giuliano Lebelli

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here