Londra, 16 mag – Due insegnanti britannici sono stati rinchiusi in una prigione a loro dire “infernale” in Oman dopo essere stati accusati di aver rubato dei cani.

Jennifer Green, 33 anni, e un’amica sono ormai in prigione da 12 giorni: affermano, a loro discolpa, che stavano solo “cercando di salvare degli animali maltrattati” da un proprietario “crudele”. I parenti dicono di essere preoccupati e il fratello di Jennifer, Mike, ha detto che sta cercando di volare in Oman per aiutarla. Le donne lavoravano come insegnanti di inglese per il British Council – che promuove la cultura britannica all’estero – a Muscat prima di essere arrestate.

Il signor Green, padre di Jennifer e originario di Stockton-on-Tees, nella contea di Durham, ha detto che le donne stavano cercando di “salvare due cani maltrattati” che erano stati lasciati fuori in un caldo torrido. Ha accusato quindi i funzionari dell’Oman di imprigionarle con accuse “inventate”, tra cui guida in stato di ebbrezza e “ubriachezza pubblica” senza prove. Ha detto al The Sun: “Sono preoccupato da morire. È rinchiusa in carcere negli ultimi dodici giorni e, poiché è in corso il Ramadan, non sta succedendo nulla”. Il signor Green, 35 anni, attualmente in Nuova Zelanda per affari, ha aggiunto uno degli amici di sua sorella gli ha detto che le autorità stanno cercando di fare pressione sulle donne affinché ammettano i crimini che non hanno commesso. Ha detto che sono stati inizialmente rilasciate dalla polizia dopo aver accettato di pagare il proprietario dei cani con £ 4.000, ma quando è andato in tribunale il giudice ha chiesto un’ulteriore indagine perché pensava che si fossero ubriacate.

Ilaria Paoletti

2 Commenti

Commenta