Il Primato Nazionale mensile in edicola

Madrid, 30 ago – L’ong Proactiva Open Arms si unirà nelle prossime settimane alla Guardia Costiera spagnola, per le operazioni di salvataggio nel mare di Alboran e nello Stretto di Gibilterra. A comunicarlo è la stessa organizzazione mediante i propri canali social. In buona sostanza l’ong “fugge” dalla Libia per approdare in Spagna e sbarcare sulle coste spagnole gli immigrati recuperati in mare. “Proactiva Open Arms – si legge su Twitter – entrerà presto a far parte delle squadre di soccorso della zona SAR nello Stretto e Mar de Alborán sotto il coordinamento del Soccorso Marittimo, aggiungendo sforzi e attrezzature ovunque ci sia bisogno, ogni vita conta”. Per l’ong spagnola ogni vita conta e “nessuno merita di morire in mare”. Per questo “rimaniamo fedeli al nostro impegno a non lasciare alla deriva anche una sola vita”.
Il che significa che Proactiva Open Arms metterà “le sue risorse marittime e materiali a disposizione del salvataggio marittimo” con l’obiettivo di “collaborare ai compiti di soccorso”. Nelle prossime settimane verrà specificata la formula legale della collaborazione con la Guardia Costiera spagnola, così come l’idoneità operativa che renderà effettivo questo accordo.
Ma questa collaborazione significa anche che l’orizzonte dell’ong si è spostato e non è più la Libia, considerato porto non sicuro, né l’Italia, non più disposta a subire gli sbarchi. Questo cambio di rotta arriva dopo le restrizioni imposte nel Mediterraneo centrale, che è sempre di più un mare ong free. La proposta di collaborazione al governo spagnolo è arrivata direttamente da Proactiva Open Arms e il ministero del Lavori Pubblici spagnolo l’ha accettata di buon grado, poiché in una nota sottolinea che questo fa parte della politica migratoria del governo spagnolo, “basata sulla difesa dei diritti umani e il mantenimento della sicurezza ai nostri confini”.
Anna Pedri

3 Commenti

  1. certo è che questi “volontari” della ONG comesichiama hanno consumato più reflex per foto strappalacrime che gasolio nei loro taxi OPS navi…

Commenta