Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 19 mar – Viktor Orban vorrebbe formare un nuovo partito nazionalista con Matteo Salvini e il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki. Il premier magiaro lo ha annunciato alla radio pubblica dell’Ungheria, spiegando di avere l’intenzione di incontrare gli altri due leader per discutere proprio della creazione di questo nuovo partito nell’Unione europea.

Orban: “Riorganizziamo la destra europea”. Salvini (per ora) tace

Fidesz, il partito del primo ministro ungherese, ha infatti lasciato il Partito popolare europeo prima di essere espulso e adesso tenta questa mossa chiamando a raccolta gli alleati di altri Stati membri. “Pianificheremo insieme il futuro”, dice Orban. “Italia, Polonia e Ungheria stanno cercando di riorganizzare la destra europea”, spiega il premier magiaro alla radio pubblica. Una nuova destra europea che a suo avviso offrirebbe “una casa aperta a tutti i cittadini che non vogliono migranti, multiculturalismo, che non sono dipendenti dalla mania Lgbt, che proteggono le tradizioni cristiane e rispettano la sovranità nazionale”. Salvini non ha ancora commentato l’annuncio del premier ungherese.

La rottura di Orban con il Ppe

Orban ha poi categoricamente escluso la possibilità di un riavvicinamento di Fidesz al Partito popolare europeo: “E’ stata una cosa buona. E’ stato bello, ma bastava così. In quelle circostanze, era giusto dire addio”. Fidesz ha ufficializzato la sua uscita dal Partito popolare europeo lo scorso 3 marzo, dopo che il Ppe ha approvato all’Eurocamera una revisione del suo regolamento che di fatto apriva la strada alla sospensione proprio di Viktor Orban.

La reazione del partito del premier ungherese non si fece attendere e avvenne con un’apposita lettera inviata al capogruppo dei Popolari a Bruxelles, il tedesco Manfred Weber, e pubblicata anche su Twitter. “Non permetteremo che i nostri deputati al Parlamento europeo vengano messi a tacere o limitati nella loro capacità di rappresentare i nostri elettori. Affrontare la pandemia e salvare vite umane rimane la nostra priorità numero uno. Pertanto, a seguito dell’adozione delle nuove regole del gruppo del Ppe, Fidesz ha deciso di lasciare il Gruppo”, tuonò su Twitter Katalin Novak, vicepresidente del partito ungherese.
Ricordiamo che con l’uscita dei 12 eurodeputati di Fidesz, il Ppe può contare su 175 membri. Restando comunque il principale partito del parlamento Ue.

Eugenio Palazzini

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta