Roma, 7 giu — La notizia arriva in Italia a distanza di mesi e solo questo dato ci dovrebbe allertare; parliamo dei cinquanta casi di intossicazione da batterio E.coli, avvenuti in Francia da inizio anno a seguito del consumo di una varietà di pizza surgelata della marca Buitoni, che non è in commercio nel nostro Paese (fortunatamente).

Pizza Buitoni all’E.Coli, morti due bambini

Si tratta della pizza Fraîch’UP ai quattro formaggi ed è lei la colpevole del decesso di due bambini francesi di sette anni; da notare che sono proprio i più piccoli ad aver contratto questa sindrome da batterio Escherichia coli che è molto pericolosa e può essere anche letale. Ma come si contrae questa grave infezione? Ebbene, la sua presenza nel nostro organismo segnala l’esistenza di condizioni di fecalizzazione… il batterio E.coli è infatti il principale indicatore di contaminazione fecale.

Contaminazione fecale

-Gli organismi delle due vittime hanno dunque iniziato rapidamente ad essere compromessi, tanto che nel giro di pochi giorni è avvenuto un terribile deperimento, la paralisi totale e la morte. Questo tipo di infezione può infatti colpire tutti gli organi del nostro corpo e può lasciare delle conseguenze a vita, ammesso che non si muoia prima. Nestlè e Buitoni hanno puntato immediatamente il dito sulla scarsa igiene personale dei propri dipendenti, ma, a seguito di una trasmissione dedicata ai fatti e molto seguita in Francia, con l’agghiacciante testimonianza di ex dirigenti e quella assai mesta delle due povere famiglie colpite dal lutto, si spera che sia possibile fare luce sugli orrori dell’industria agroalimentare.

Chiara Del Fiacco

La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

  1. Sostanzialmente, sempre più m. C’è da meravigliarsi ? E pensare che la produzione industriale avrebbe dovuto anche tutelarci dal “fetido” contadino… La vendetta è davvero un piatto freddo !

  2. Io credo invece che si tratti di un attacco all’alimentare italiano che, guarda caso, oltre a prendere di mira una delle ultime grandi aziende ancora competitive, punta il dito contro il prodotto simbolo della nostra gastronomia per danneggiare anche il nostro Paese. Chi ci guadagna? Quello che ci guadagna potrebbe essere il responsabile. Adesso ci sarà un crollo delle quotazioni in borsa della Buitoni. Vedremo chi comprerà. Scommettiamo che sarà qualche azienda francese? Nota: i protocolli HCCP sono molto rigidi. La merda nella pizza ce l’ha messa qualcuno. Da sola di sicuro non ci è andata.

  3. E’ vero. I protocolli HACCP sono molto rigidi, peccato che di fatto risultino uno scarico di responsabilità con insufficienti o mancati controlli statali, delegando la bontà delle procedure persino a persone del… Bangladesh.

Commenta