Home » Clamoroso in Austria, il Partito della Birra terzo più votato: 8% alle presidenziali

Clamoroso in Austria, il Partito della Birra terzo più votato: 8% alle presidenziali

by Alessandro Della Guglia
2 comments
partito birra, austria

Roma, 11 ott – Proposte da Cetto La Qualunque per vincere le elezioni? Si può fare di meglio, o di peggio, se preferite. Sta di fatto che la realtà supera quasi sempre la fantasia. Prova ne sia quanto accaduto in Austria, dove il Partito della Birra è arrivato terzo alle presidenziali, aggiudicandosi un notevole 8%. E no, non è Lercio, come si usa ormai dire sui social per assicurare agli amici di non aver propinato loro una fake. Il Bier Partei, il Partito della Birra austriaco, ha davvero sfondato alle elezioni, centrando per l’esattezza l’8,1%.

L’incredibile successo in Austria del Partito della Birra

Sulla falsa riga del M5S in Italia, lo strano movimento politico si è affidato a un comico, nonché medico ed ex frontman di un gruppo punk, tale Marco Pogo, all’anagrafe Dominik Wlazny. A Vienna il Bier Partei è arrivato addirittura secondo: picco di consensi impressionante. Un risultato ottenuto basandosi in pratica su una sola proposta mirabolante: più birra per tutti. Condita da uno slogan talmente inflazionato da non passare mai di moda: “Vivi e lascia vivere”. Con parentesi aggiunta: (Tranne i bevitori di Radler”). Quest’ultimo non è altro che un cocktail a basso tenore alcolico, realizzato con birra e limonata. Vade retro sobrietà.

E così il “movimento birrocratico” (si autodefinisce esattamente così), avanza spedito verso l’instaurazione di una “birrocrazia” (anche questo lo dice sul serio), in cui il potere politico viene proprio dalla birra. Ma qualche proposta “seria”, il Partito della Birra, l’avrà pure tirata fuori? Certo, a base di birra ovviamente.

Esempi emblematici: creazione di una fontana di birra nel centro storico di Vienna, abolizione della tassa sulle bevande nei bar e ristoranti (da compensare con una tassa specifica al 50% sulla Radler e “altre atrocità”) e soprattutto fornitura mensile di un barile di birra a tutte le famiglie austriache, ovvero 50 litri per adulto e 20 litri per bambino.

Alessandro Della Guglia

You may also like

2 comments

fabio crociato 11 Ottobre 2022 - 2:39

Avete una piccola idea di quante aziende produttrici-venditrici di birra si sono pappate fior di aziende cosiddette avanzatissime ?! DocumentateVi, prego.

Reply
Il Partito della birra trionfa in Austria: arriverà anche in Italia? 12 Ottobre 2022 - 12:00

[…] riporta Il Primato Nazionale, a fondare il partito della birra è stato un comico, nonché medico ed ex frontman di un gruppo […]

Reply

Commenta

Redazione

Chi Siamo

Il Primato Nazionale plurisettimanale online indipendente;

Newsletter

Iscriviti alla newsletter



© Copyright 2023 Il Primato Nazionale – Tutti i diritti riservati

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: