Il Primato Nazionale mensile in edicola

Los Angeles, 31 gen – Nuovo giorno, nuova fesseria femminista. Questa volta è il popolare sito di news americano Buzz Feed a raccogliere una ridicola istanza femminista. Secondo alcune utenti donne del sito, toccare una donna sui fianchi o sulle spalle, anche solo per chiedere permesso in un posto affollato equivale a un contatto non richiesto, quasi a una molestia.

“Mani in alto!”

“C’è un bar superaffollato e non sai come passare?” scrive l’autrice dell’articolo. “Fai questo, piuttosto!” e c’è la tragicomica immagine di un uomo che cammina con le mani in alto. “Hai bisogno di farci sapere che stai arrivando alle nostre spalle?” continua il pezzo. “Usa la bocca e le parole!”. Ora, provate ad immaginare di essere in discoteca o, chessò, ad un concerto. Stai cercando di ritrovare i tuoi amici tra la folla e ti ritrovi una ragazza davanti: nella confusione, ti sentirà dire “permesso”? E se anche camminassi con le mani in alto, tipo prigioniero, in che modo questo ti aiuterebbe a farti capire da una donna girata di spalle? Ma, sopratutto, e lo abbiamo visto tutti, perché se lo fa una donna nessuno si sogna di “imbruttirla” e accusarla di molestie?

“Donne, siete impazzite”

“Non mi conosci?” si legge ancora nell’articolo. “E allora non toccarmi, cazzo!”. Una utente, in un intervento su Twitter linkato nel pezzo, scrive addirittura che “rovini l’intera serata di una donna se cercando di passare le tocchi i fianchi o le spalle”. A onor del vero, l’articolo raccoglie anche l’umore di un commentatore uomo. “Le donne sono ufficialmente impazzite” scrive James “ho dovuto camminare a un metro da ogni femmina solo per uscire da un posto”.

Molestie no, sequestro forse

A voler scimmiottare la Modest proposal di Swift, verrebbe da proporre provocatoriamente discoteche o club separati per i due sessi, così da evitare molestie – anche involontarie. Perché secondo le femministe americane sono gli uomini a dover rimanere “un passo indietro” e a giudicare dal vademecum concesso ai maschi, i poveretti (in un posto affollato, con musica a volume alto), rischiano di rimanerci per sempre … perché non possono andarsene. Qui la molestia mi sembra ai loro danni, anzi: sfocia nel sequestro di persona!

Ilaria Paoletti

La tua mail per essere sempre aggiornato

4 Commenti

  1. altro buon motivo per NON andare in discoteca…
    tanto sono diventati solo dei posti dove ti pelano come una banana tra ingresso e consumazioni,
    dove non si conosce mai nessuna
    e dove i costi li fanno pagare sempre a noi uomini:
    noi paghiamo e quasi sempre l’ingresso per le femmine è gratuito…
    mentre quando siamo già in coppia siamo sempre noi,che dobbiamo scarrozzare,pagare ingressi,guardaroba e consumazioni.
    e quando non lo siamo il tacchinaggio che in questi posti era perfino gradito anni fa
    è diventato off limits:che ci andiamo a fare?
    a dimenarci come lombrichi per niente?
    bah….

Commenta