Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 7 nov – Choc in Francia, dove un ex parroco è stato trovato morto in casa, soffocato da un crocifisso nella gola. Il corpo senza vita del già prete, Roger Matassoli, è stato trovato lunedì nella sua casa di Agnetz, nel dipartimento dell’Oise, a nord di Parigi. Una notizia che inevitabilmente ha sconvolto i fedeli della chiesa dell’Assomption de Notre Dame di Froissy, in cui il religioso era stato per ben 42 anni vice parroco e parroco. Fino al 2009, quando venne sospeso dai superiori con l’accusa di molestie su chierichetti.

Le accuse di pedofilia

Soltanto dopo l’agghiacciante omicidio, il vescovo Jacques Benoit-Gonnin ha reso noto che all’ex prete era stato vietato l’esercizio del sacerdozio a dopo che contro di lui erano state intentate due cause civili per pedofilia. I ragazzini violentati da Matassoli furono due chierichetti fra i 10 e i 14 anni. Si tratta di due ignobili vicende, una risalente al 1962, l’altra avvenuta tra il 1976 e il 1980. Quando vennero alla luce, però, erano ormai prescritti dal punto di vista penale.

“Oggi penso ancora alle vittime dell’abate Matassoli”, ha dichiarato il vescovo. Per l’omicidio dell’ex parroco è stato fermato un sospetto, un ragazzo 19 anni. Non è ancora chiaro ancora se il presunto omicida fosse al corrente degli abusi commessi dal prete e il procuratore Boura ha dichiarato che il 19enne “non ha mai indicato di essere stato vittima di fatti simili” da parte del sacerdote.

Alessandro Della Guglia

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta