18iran.600Teheran 23 nov – Il presidente russo Vladimir Putin ha incontrato oggi a Teheran il presidente della Repubblica Islamica Iraniana, Hassan Rohani, e l’ayatollah Kamenei, guida suprema del paese.

Un incontro di portata storica che avviene a margine del Forum dei paesi esportatori di gas – il Gecf – e che sicuramente è servito per iniziare ad operare sulla fitta agenda di incombenze internazionali che vede i due paesi in stretta collaborazione.

In primis c’è ovviamente la questione della crisi siriana e la gestione dell’escalation terrorista in Europa e in Medio-oriente.

Il meeting era stato annunciato nei giorni scorsi dal consigliere del presidente russo, Juri Ushakov, che aveva dichiarato che vi si sarebbero dibattute “le questioni di attualità della cooperazione bilaterale commercio e investimento, cooperazione, energia nucleare, produzione di petrolio e gas, cooperazione tecnica e militare”. Ushakov ha poi aggiunto che particolare attenzione verrà riservata alle questioni internazionali di maggiore rilievo, come la soluzione del conflitto siriano, la realizzazione di un piano d’azione completo e condiviso sul programma nucleare iraniano e la lotta al terrorismo.

Questo incontro ha visto Vladimir Putin di nuovo a Teheran dopo otto anni dall’ultimo viaggio; il Financial Times sulla visita scrive inoltre che ci sarebbe in ballo la vendita di 100 esemplari del bireattore Sukhoi Superjet 100, realizzato con l’italiana Alenia Aermacchi del gruppo Finmeccanica.

I jet sarebbero già pronti per essere consegnati in attesa della cessazione delle sanzioni economiche.

Alberto Palladino

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

CONDIVIDI
Articolo precedenteSvendItalia: il governo avvia la cessione di Ferrovie dello Stato
Prossimo articolo“Facevano propaganda alla jihad”: espulsi quattro marocchini
Alberto Palladino
Nato a Roma, classe 1987. Studia Scienze storiche e cooperazione internazionale all’università Roma 3 e da qualche anno ha iniziato a percorrere la strada professionale del reporter. Fino ad oggi, nonostante le difficoltà che incontra chi lavora in questo settore da indipendente, è riuscito a coprire alcuni degli scenari di crisi più importanti di questi ultimi anni provando a raccontare, fra gli altri, la secessione in Ucraina e la guerra antiterroristica in Siria. Collabora con importanti testate nazionali e straniere. Ha realizzato reportage dal Kosovo, embedded con la missione italiana, dall’Azerbaijan e dai luoghi di eventi importanti e tragici come gli attacchi di Parigi. Ha collaborato alla realizzazione di progetti umanitari con la onlus Solidarité Identités e la onlus Popoli in molti dei Paesi da cui poi ha scritto per questa testata: Kosovo, Birmania, Siria. Ha viaggiata nella Siria devastata dal terrorismo scattando foto e aiutando i bisognosi, sublimando al massimo la sua vocazione. Per il Primato Nazionale anima la redazione esteri e propone i suoi scatti fotografici per far aprire gli occhi ai lettori, perché è persuaso che nel mondo di oggi non è più sufficiente guardare, bisogna vedere.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here