Roma, 10 gen – Cosa nascondeva Joe Biden in un ufficio privato? Documenti, diversi documenti, classificati come “top secret” e risalenti all’epoca in cui l’attuale leader della Casa Bianca era vicepresidente degli Stati Uniti. E cosa ci facevano in quell’ufficio? Mistero. Sta di fatto che adesso i National Archives, ovvero gli archivi di Stato americani, hanno informato il dipartimento di Giustizia affinché vengano avviate apposite indagini. Questo perché la legge Usa prevede che presidente e vicepresidente statunitensi, una volta concluso il mandato, consegnino ai National Archives tutti i documenti.

I documenti top secret non consegnati da Biden

I documenti segreti sono stati rinvenuti dagli avvocati di Biden, lo scorso novembre, mentre stavano chiudendo il suddetto ufficio – al Penn Biden Center di Washington – che il presidente statunitense usava quando era  presidente onorario dell’Università della Pennsylvania, esattamente dal 2017 al 2019. Non si sa ancora se i documenti siano stati portati via dall’ufficio e cosa contengano. “La Casa Bianca – ha dichiarato Richard Sauber, consigliere speciale del presidente degli Stati Uniti – sta cooperando con i National Archives e il dipartimento della Giustizia riguardo la scoperta di documenti che sembrano legati all’amministrazione Obama-Biden”.

Trump all’attacco: “Ora l’Fbi perquisirà le case di Biden?”

La notizia non è ovviamente sfuggita a Donald Trump, che ha colto la palla al balzo per lanciare una frecciata a Biden e per chiedere all’Fbi di perquisire la casa dell’attuale presidente Usa: “Quando è che l’Fbi – ha scritto Trump su Truth – andrà a perquisire le molte case di Joe Biden, e forse persino la Casa Bianca? Questi documenti non erano certamente ‘non classificati'”.
Ricordiamo che Trump è sotto inchiesta proprio aver tenuto nascosti, nel suo resort di Mar-a-Lago, in Florida, centinaia di documenti riservati portati via dalla Casa Bianca. Documenti che Trump non consegnò agli Archivi di Stato e che lo scorso agosto furono sequestrati dall’Fbi durante un apposito blitz.
“Ci è stato detto per mesi – ha detto il figlio dell’ex presidente Usa, Donald Trump Jr. – che questo era tradimento e motivo di impeachment e meritevole di pena di morte, ma adesso ho la sensazione che non succederà niente”. Per legge presidente e vicepresidente devono consegnare ai National Archives tutti i documenti, una volta finito il mandato.

Alessandro Della Guglia

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta