Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 17 nov – Mentre qui in Italia Giuseppe Conte ci “vezzeggia” ricordandoci che il Natale non è una festa consumistica ma spirituale e che quindi passarla in tre davanti ad un cero causa restrizioni anti-Covid in realtà è sano, Ralph Lauren pensa bene di sfruttare il nuovo filone del marketing, ovvero le tematiche Lgbt. “La famiglia è chi ami. Durante le festività natalizie, celebriamo l’amore e la famiglia in tutte le sue forme”, è lo slogan della nuova campagna che vede, vestiti come dei Wasp, protagoniste “famiglie” con due padri, due madri, etc etc.

Famiglie Lgbt e figli in vetrina

Per gli Usa, Ralph Lauren sceglie la famiglia arcobalenosa dell’ex calciatore Usa Robbie Rogers, sposato col produttore e regista Greg Berlanti, i quali sono … padri? Dei piccoli Caleb e Mia Barbara, sbrigativamente definiti come nati “tramite gestazione per altri” da Gay.it. Ovviamente non manca la quota “rosa” dell’arcobaleno Lgbt nello spot della marca simbolo dei Wasp americani, poiché ci sono anche la modella Aweng Ade-Chuol e sua moglie Alexus Ade-Chuol.

Natale “con i tuoi”, purché siano gay

Non è tuttavia la prima volta che Berlanti e suo marito compaiono in una campagna Ralph Lauren, perché avevano già posato per la celebre marca di casual wear per celebrare il Pride Month. Dato che, però, anche i bimbi belli vendono (soprattutto se rappresentativi di questa “nuova” normalità priva di figure materne) per Natale hanno usato i loro figli. Non è ovviamente la prima volta che il mondo della moda, sempre avanguardia su certi temi, sceglie testimonial Lgbt. Fa riflettere, tuttavia, che quando si celebra una festività che – che a loro piaccia o meno – è di origine cristiana tutti questi creativi petalosi e spregiudicati dimentichino il complesso di valori a cui si richiamano per apprezzarne solo l’estetica e il “calore” che il focolare tradizionale trasmette. Ma ogni ipocrisia, si sa, a loro è concessa.

Ilaria Paoletti

La tua mail per essere sempre aggiornato

6 Commenti

  1. Ehm …. mi scusi Ilaria , ma la MILLENARIA festa del SOL INVICTUS è
    divenuta “cristiana” come TUTTE le feste pagane, le feste dei NOSTRI DEI … e forse fra qualche decennio diverrà la festa di
    > allà che va al bar < …. ( se i bar saranno ancora aperti ….)

    Ma sempre sarà SOL INVICTUS !!!!!!

    GLI DEI ci siano PROPIZI e CANCELLINO i FALSI dei ….. che siano cristiani , ebrei o muslim !!!!!

    Si rilegga il PADRE NOSTRO in modo critico … è una invocazione a
    JUPITER …. pure quello ci hanno rubato ….. (il PATER sta per padre degli dei ….)
    E come non vedere VESTA nella madonna ????

    Ad maiora .

Commenta